– DI EMANUELE TANZILLI
emanuele.tanzilli@liberopensiero.eu

Un crollo in una struttura fatiscente in Largo San Mauro ha causato in queste ore spavento e preoccupazione nei cittadini. L’edificio, come testimoniano le immagini, è vecchio e pericolante ed aveva già subito un primo parziale crollo, il 16 Agosto di dieci anni fa, a causa di una voragine successivamente riempita con detriti. In seguito, nel 2010, un sopralluogo dei Vigili del Fuoco aveva portato ad un’ordinanza di sgombero totale della struttura, che infatti risulta attualmente disabitata. Ma le proteste dei residenti, ben consapevoli dei rischi corsi, avevano condotto al semplice innalzamento di un muro in mattoni e nient’altro. Il problema è rimasto lì e inesorabilmente si è giunti ad un nuovo cedimento, questa volta nella sezione centrale della struttura, fortunatamente senza causare alcun danno a cose o persone. Ma ancora una volta si è cercato di porre rimedio con una recinzione di mattoni: al che i residenti, stanchi di vedere messa a repentaglio la loro incolumità, hanno impedito il proseguimento dei lavori, annunciando per lunedì un blocco totale di Largo San Mauro se il Comune non provvederà a fare il suo dovere, tutelando la sicurezza dei suoi cittadini ed intervenendo per abbattere del tutto l’edificio, prima che si arrivi ad un nuovo crollo e che, per l’ennesima volta, si pianga per una tragedia evitabile.

Anche noi, raccogliendo l’appello dei residenti del posto, sollecitiamo il sindaco e le autorità competenti ad intervenire quanto prima per la messa in sicurezza dell’area, che sembra chiaramente e senza mezzi termini poter venire giù da un momento all’altro.