– DI LUCA MULLANU
luca.mullanu@liberopensiero.eu

Sparagnamm.it, questo è il nome del portale creato dal Comune di Napoli e dall’Assessorato alle politiche giovanili della città partenopea, rivolto ai giovani under 35.

Ma cos’è? Si tratta di una piattaforma che permette ai giovani cittadini napoletani di conoscere le offerte più vantaggiose che vengono proposte dalle piccole e medie imprese. Tra gli ambiti a disposizione c’è tutto: Arte, cultura, moda, enogastronomia, sport, benessere, corsi di formazione, viaggi e turismo. Queste sono le categorie presenti sul portale. Come spiega il sito del Comune di Napoli, il sito Sparagnamm.it non prevede alcun meccanismo di intermediazione a pagamento: per usufruire delle offerte è sufficiente recarsi presso l’esercente commerciale, il professionista o la struttura ricettiva aderente (previa prenotazione laddove previsto) e dimostrare la propria età esibendo un valido documento di riconoscimento.

Sparagnamm.it è un sito che, quindi, raccoglie le offerte rivolte ai giovani, ma siamo sicuri che convenga? Le istruzioni date dal Comune sono chiare in tal senso, infatti, l’esercente commerciale che vuole aderire a titolo completamente gratuito alla promozione, deve necessariamente prevedere uno sconto minimo del 20% rispetto al prezzo di listino. L’offerta poi verrà postata sulla piattaforma e quindi promossa sul web.

Oltre al portale, però, esistono anche la pagina Facebook e Twitter, che vengono aggiornate quotidianamente con tutte le nuove offerte presenti sul sito. Tante le occasioni fino ad ora postate, dalla visita odontoiatrica all’album fotografico per il matrimonio, alle pratiche amministrative, all’arte e cultura con l’abbonamento al Teatro Troisi a prezzo scontato.

Chi garantisce, però, che le offerte non vengano pilotate dalle organizzazioni criminali? E’ presto detto, l’iniziativa del Comune di Napoli “incarna i valori di legalità ed etica professionale”. Infatti, “Gli imprenditori e gli esercenti che aderiscono al progetto divengono i veri protagonisti di un’operazione che, certificata dal logo Consumo Critico Antiracket, mira concretamente a isolare le pratiche che alterano, di fatto, la libera concorrenza. La piattaforma web accoglierà esclusivamente offerte provenienti da realtà sane e garantite dallo sportello Federazione Antiracket di Napoli”.

Dunque, non resta che provare le offerte, affinché tutto vada a buon fine, il sito mette comunque a disposizione una pagina dove si può aiutare a migliorare il servizio, ma soprattutto, ad indicare eventuali abusi e comportamenti scorretti da parte degli esercenti. Perché, alla fine, anche per il Comune, che mette a disposizione uno spazio gratuito di pubblicità, vale sempre il solito motto: Buoni sì, ma fessi no.