– DI LUISA DE MARTINO
luisa.demartino@liberopensiero.eu

Quando un bambino entra in ospedale perde tutti i suoi punti di riferimento. L’ambiente che lo accoglie, spesso, non è come quelli familiari: la sua camera è fredda e anonima, non ha i suoi giocattoli e i suoi amici; per lui il ricovero è gia di per sé un evento traumatico.
Per questo è importante creare negli ospedali un ambiente accogliente, attraverso la presenza del colore, in particolare di forme artistiche, che hanno una valenza terapeutica ancora più che estetica. Il colore è capace di influenzare la relazione che il paziente ha con un ambiente, contribuisce a determinare stati d’animo, comportamenti e atteggiamenti verso la struttura e gli operatori sanitari.
Attraverso uno studio effettuato presso l’ospedale pediatrico Mayer di Firenze, è emersa l’importanza dei colori, oltre che nell’ambiente, anche nelle divise del personale paramedico. Infatti le divise colorate degli infermieri permettono ai piccoli pazienti di sentirsi più a loro agio e di avere una percezione positiva nei confronti del personale che li assiste.
La cromoterapia è una medicina integrativa (si integra facilmente ad altre terapie o trattamenti per potenziarne il risultato) che usa i colori per aiutare il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio, attraverso effetti fisici e psichici. Essa utilizza i sette colori fondamentali, ossia, rosso, arancione, verde, giallo, blu, indaco e violetto.
Numerosi studi scientifici evidenziano l’influenza dei colori sul sistema nervoso, immunitario e metabolico. Molti popoli come i cinesi e gli indiani, fin dall’antichità utilizzavano i colori come terapia.
In Cina, addirittura, le finestre della camera del paziente venivano coperte con teli di colore adeguato e il malato doveva indossare indumenti della stessa tinta.

IL ROSSO
A LIVELLO FISIOLOGICO: aumenta la frequenza cardiaca, alza la pressione arteriosa, aumenta la frequenza respiratoria, e stimola l’attività nervosa.
A LIVELLO PSICHICO: evoca pericolo, distruzione, dà una sensazione di energia fisica.
Utilizzato per la cura di depressione, asma, raffreddore, malattie esantematiche.

L’ARANCIONE
A LIVELLO FISIOLOGICO: è antispastico (utile per contratture e crampi muscolari), stimola il battito cardiaco e ottimizza l’attività della milza.
A LIVELLO PSICHICO: induce serenità, allegria, aumenta l’ottimismo.
È utile in caso di apatia, depressione, pessimismo, paura.

IL GIALLO
A LIVELLO FISIOLOGICO: dà maggiore prontezza di riflessi e incrementa il tono muscolare. Aiuta la digestione perchè stimola la produzione di succhi gastrici.
A LIVELLO PSICHICO: stimola l’attenzione e l’apprendimento.
È utile in caso di anoressia e inappetenza.

IL VERDE
A LIVELLO FISIOLOGICO: promuove il benessere generale dell’organismo, disintossica e decongestiona l’organismo.
A LIVELLO PSICHICO: genera calma e rinfresca la mente.
È efficace contro lo stress, l’ansia, l’iperattività, la cefalea e alcune forme di insonnia.

IL BLU
A LIVELLO FISIOLOGICO: diminuisce la pressione arteriosa, il ritmo respiratorio e i battiti del cuore. Ha inoltre effetti rinfrescanti, analgesici, rilassanti.
A LIVELLO PSICHICO: combatte l’agitazione fisica e mentale, favorisce quindi rilassamento e distensione.
È utile in caso di stress, ansia, insonnia, irritabilità, reumatismi.

IL VIOLA
A LIVELLO FISIOLOGICO: è il colore del cervello destro. Stimola la produzione di globuli bianchi, rallenta l’attività cardiaca.
A LIVELLO PSICHICO: stimola la fantasia.
Ha una grande influenza sul sistema nervoso, è quindi indicato per patologie come epilessia, meningite, insonnia, traumi cranici.

L’efficacia della cromoterapia è però contestata dalla comunità scientifica, in quanto non ha ancora superato uno studio clinico controllato.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlice Sebold – Amabili Resti
Articolo successivoRootless Tree

La redazione di Libero Pensiero News è composta da una settantina di collaboratori giovani, talentuosi, belli e intelligenti. Come si fa a non amarli?