DI CARMELA DAVIDE

carmeladavide93@gmail.com

Finalmente Piazza Plebiscito sembra ritrovare quella forza che aveva perso da un bel po’. Quella forza che la rendeva attraente per numerosi artisti nel volersi esibire in queindexl che è un luogo ,storicamente e architettonicamente, più bello di Napoli . Ed è proprio questa città a dover cambiare le regole del gioco, a doversi rendere protagonista di iniziative ed eventi culturali per attrarre a se e preservare la propria terra come fonte di incontro e di condivisione.

Tutto ciò, infatti, potrà avverarsi grazie al ricorso presentato dal Comune di Napoli contro il decreto della Soprintendenza che imponeva dei vincoli all’utilizzo di piazza Plebiscito. Una battaglia che necessitava assolutamente di esser vinta, per realizzare e porre le basi per una Napoli culturalmente attiva e formata nell’ambiente sociale. Napoli è da sempre definita “la città caotica”, caotica per il suo traffico, per il suo andamento veloce e per le forti voci e modi di fare che caratterizzano i vicoli storici, ma è anche vero che Napoli ha la forza e ha le radici per poter crescere e evolversi come una città caotica anche culturalmente, che ha fame di eventi, di turisti, e di artisti.

Il fulcro di tanta forza è sicuramente la bellezza architettonica e paesaggistica che questa città offre, luoghi pubblici che hanno la necessità di esser vissuti da cittadini e turisti, spazi da sfruttare in stretta collaborazione, ma soprattutto leale, tra istituzioni. Nonostante il tempo perso, e le rinunce da parte di molti artisti nel potersi esibire nella piazza, ora per questa si apriranno numerose possibilità. La sentenza del Tar, appunto, ha dato il via libera a concerti, iniziative economiche e programmi di riqualificazione, purché non si deturpi, non si saccheggi e non si muti la destinazione della piazza che non è mai stata in discussione.

Ed è proprio domenica,18 maggio, che si darà il via inaugurando la pizza con un importante festa dedicata ai 50 anni della Nutella. E quale posto migliore se non Napoli? L’azienda piemontese, una delle maggiori industrie italiane, oltre a pagare 50mila euro per l’occupazione del suolo pubblico, s’impegnerà a restaurare le due statue equestri della piazza e ha offerto, inoltre, “disponibilità per altri eventuali aiuti”.

I preparativi in piazza sono iniziati, e sono già numerosi i fan che passeggiano per vedere la costruzione del palco che ospiterà artisti quali: Mika, Arisa, Simona Molinari, James Senese e Giuliano Palma. Il concerto, per chi non potesse essere presente in piazza, sarà trasmesso in streaming online: anche chi non potrà essere fisicamente a Napoli potrà quindi seguire il concerto di Mika della durata di oltre 75 minuti. il cantante libanese ha commentato la città, la perla partenopea, dicendosi orgoglioso ed emozionato di calcare un palco così importante nella storica piazza napoletana.

Ecco allora il programma con la scaletta dei cantanti che si esibiranno per l’evento:

ore 16:00 Almamegretta

ore 17:00 Simona Molinari

ore 18:00 James Senese e Napoli Centrale

ore 19:15 Arisa

ore 20:15 Giuliano Palma

ore 21:30 MIKA