– DI PASQUALE DE LAURENTIS E MARCO DI DOMENICO

 

NAPOLI – Continua il braccio di ferro tra i librai di Port’Alba e l’amministrazione comunale.

I FATTI – Nei giorni scorsi i commercianti di Port’Alba sono stati multati e costretti a lasciare libera la zona, “colpevoli” di aver occupato abusivamente il suolo pubblico con le bancarelle dei libri. Intanto Change.org nei giorni scorsi ha lanciato un appello, chiedendo al Sindaco Luigi De Magistris di lasciare il suolo alle bancarelle dei libri gratuitamente. E’ stata creata anche una pagina Facebook a sostegno della causa, “Che il suolo pubblico di Portalba sia occupato dalle bancarelle dei libri”. Su Twitter si utilizza invece per la denuncia l’hashtag #PortAlba.

Libero Pensiero ha provato a far luce sulla triste vicenda, e così ha contattato persone molto vicine al Sindaco De Magistris, le quali hanno assicurato sull’impegno dell’amministrazione comunale nel risolvere la questione sottolineando, tuttavia, ancora una volta, il fatto che i librai non pagano l’occupazione del suolo pubblico da oltre 10 anni.

Spuntano inoltre le prime iniziative contro lo sgombero delle storiche bancarelle, con il Pd che domani invaderà tutta l’area pedonale tra piazza Bellini e piazza Dante per un “Presidio Letterario”, mentre l’Uds proporrà mercoledì 16 Luglio un Flash Mob a Port’Alba in difesa della cultura, chiedendo il ripristino della situazione precedente.