NAPOLI- Finalmente, dopo mesi di silenzi, la “questione” panchine anti-clochard di piazza Carlo III, sta trovando spazio un po’ su tutti i mezzi di informazione.

I FATTI- Lo scorso Luglio 2013, insieme al consigliere della IV municipalità Francesco Donzelli, con molto stupore noto che al centro delle panchine di piazza Carlo III, per intenderci quelle di fronte Palazzo Fuga, sono stati posti dei ganci, ufficialmente di sostegno per gli anziani. Domanda: quale utilità per gli anziani possono avere dei ganci al centro di panchine? Risposta: nessuna. Appurato ciò, appare abbastanza evidente che comitati che operano sul territorio della zona di Carlo III abbiano chiesto ed ottenuto gli “uncini”, evitando così, a persone senza un posto letto, di poter sdraiarsi sulle panchine della suddetta piazza. Solo recentemente, anche grazie alla nascita di una pagina facebook di adesione, “Via le panchine della vergogna da piazza Carlo III”, lanciata dal consigliere Donzelli, con la collaborazione del sottoscritto, la tematica panchine anti-clochard ha trovato il giusto risalto su diversi quotidiani tra cui “Il Mattino” e il “Roma” ed emittenti radiofoniche.

COSA FARE PER RILANCIARE PIAZZA CARLO III- E’ evidente il fallimento dei comitati territoriali, i quali in questi anni, oltre ad essere i responsabili del famigerato gancio sulle panchine, non hanno prodotto alcuna proposta di rilancio della piazza. Una buona idea potrebbe essere rappresentata dal mercatini di agricoltori diretti, come sostiene da tempo l’amico e consigliere Donzelli. Questo darebbe modo alla gente di frequentare la zona ed allo stesso tempo consentirebbe di mantenere più decoro nella piazza, da tempo teatro di abbandono. Un’altra ipotesi passa necessariamente per il rilancio di “Palazzo Fuga”, destinandone una parte all’apertura di spazi di accoglienza per i senza fissa dimora (come sostiene da tempo Padre Alex Zanotelli) e la restante ai giovani del territorio, costretti a stare per ore fuori ai bar, senza poter usufruire di uno spazio dove studiare o più semplicemente trattenersi.

IL SINDACO DE MAGISTRIS FACCIA CHIAREZZA- Attraverso la neonata pagina facebook “Via le panchine della vergogna da piazza Carlo III”, chiediamo al Sindaco De Magistris di intervenire con un’ordinanza di rimozione immediata dei ganci sulle panchine di piazza Carlo III, applicando così i suoi propositi di campagna elettorale, nei quali definiva Napoli città solidale.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteSe la natura è illegale, la libertà non esiste
Articolo successivoGiornata di prevenzione sull’obesità e raccolta firme “Resta la Terra”

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II

1 COMMENTO

Comments are closed.