Studenti già sul piede di guerra. Bocciate in toto, infatti, dalle associazioni studentesche, tutte le linee guida che trapelano della riforma della scuola. Ancora deve prendere il via ufficialmente l’anno scolastico, ma già si conosce da tempo la prima data dell’anno di mobilitazione studentesca, prevista per il 10 Ottobre.

‘Il 10 ottobre bloccheremo il Paese e apriremo una nuova fase di mobilitazione che parla a tutta la popolazione.  – afferma Danilo Lampis coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – Siamo stanchi di promesse e di interventi minimi che non cambiano le condizioni materiali degli studenti che devono far fronte a costi sempre più esosi per poter studiare. Riempiremo le piazze per un’istruzione libera e gratuita per tutte e tutti e per contrastare le linee programmatiche del Governo che, nonostante le dichiarazioni roboanti, lancia un piano scuola che non prevede un punto centrale per rilanciare il sistema formativo, ossia le risorse. Si pensasse piuttosto ad adottare una legge nazionale sul diritto allo studio, uno statuto per gli studenti in stage, nuove forme di partecipazione all’interno delle scuole”.

La Grande Bellezza siamo noi! #10ott è lo slogan lanciato dalla Rete degli Studenti Medi
“Chiederemo di ripartire da noi  -dichiara Alberto Irone portavoce nazionale della Rete degli Studenti Medi – dalle proposte che abbiamo costruito partendo dalle scuole e dalle assemblee: garantire realmente il Diritto allo Studio con una legge nazionale, riformare il sistema di Governance delle scuole rendendolo veramente partecipativo, cambiare radicalmente il sistema valutazione che non sia più quantitativo ma qualitativo, riformare complessivamente la struttura del sistema educativo italiano partendo da una riforma dei cicli fino ad arrivare al superamento del sistema dell’accesso programmato all’università . E il 10 Ottobre lo chiedemo a gran voce. In tutta Italia. ”

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteComunicato sullo studentato dell’Orientale
Articolo successivoScuola, torna il problema del caro libri: 7 famiglie su 10 in difficoltà
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II