Duemila ragazzi ”in sovrannumero” invaderanno le università, per la prima settimana dei test. Si parte domani con le prove di professioni sanitarie.

Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari, dichiara: “Anche per i test di professioni sanitarie di domani e durante tutti i test che si terranno nelle prossime settimane ci troverete davanti agli atenei italiani distribuendo le nostre guide al test sicuro in sostegno e in difesa di tutte le studentesse e di tutti gli studenti che ogni anno rischiano di non poter realizzare il proprio futuro a causa di prove inique e fallaci, come da anni denunciano le nostre battaglie e i nostri ricorsi.

Alberto Irone, portavoce della Rete degli Studenti Medi, aggiunge: ”Sempre più studenti,  si trovano a scegliere un percorso universitario che poi si rivela sbagliato o scelgono di non andare all’università non avendo comunque ben chiaro cosa scegliere per il proprio futuro. Scuola e Università non sono due percorsi scissi: combattere il calo di iscritti all’università e la dispersione dopo il primo anno di studi parte necessariamente da una riforma del percorso di studi superiore.

Dura presa di posizione anche di Riccardo Laterza, portavoce nazionale della Rete della Conoscenza: ”Non si può precludere così, con prove arbitrarie e dannose, estese a molto più della metà dei corsi di laurea, la scelta del proprio percorso universitario a migliaia di studenti e studentesse.”

Alberto Campailla, portavoce nazionale di LINK Coordinamento Universitario, aggiunge: “La ministra Giannini sembra voler continuare a strumentalizzare il tema della riforma del numero chiuso per gestire politicismi ed equilibri di palazzo, quando servirebbe affrontare immediatamente e con lucidità e franchezza i problemi strutturali che ci sono”

Saranno 85.000 gli aspiranti e le aspiranti per le facoltà di Fisioterapia, Logopedia Infermieristica e le professioni sanitarie in generale, ma purtroppo i posti disponibili solo poco più di 25.000.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteScuola, torna il problema del caro libri: 7 famiglie su 10 in difficoltà
Articolo successivoRenzi e “la buona scuola”: ecco la riforma
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II