Con l’inizio dell’anno scolastico ormai alle porte, ritorna il problema del caro libri con 7 famiglie su 10 in difficoltà.
Le associazioni dei consumatori da tempo denunciano rincari, con le famiglie che mediamente quest’anno spenderanno 200 euro in più rispetto all’anno scorso.

A destare preoccupazione, tuttavia, non sono solo i libri, per i quali si può sempre ricorrere al vecchio, ma sempre valido metodo, dell’usato, bensì le spese complessive da affrontare per mandare i propri figli a scuola.
“Il Ministero dell’istruzione – ha detto il Presidente Carlo Rienzideve intervenire per contenere la spesa delle famiglie e impedire i rincari dei testi scolastici e lo sforamento dei tetti massimi fissati dallo stesso dicastero. La stangata che attende gli italiani sul fronte della scuola, infatti, minerà i consumi in altri settori, perché le famiglie sempre più in difficoltà saranno costrette a rinunciare ad altri acquisti per poter mandare i propri figli a scuola, con evidenti danni per il commercio e l’economia nazionale”.

Per fronteggiare il ”caro libri”, anche quest’anno l’Unione degli Studenti organizza, in molte città, mercatini con libri usati.
Un’iniziativa lodevole  quella messa in piedi dagli studenti in un periodo di forte crisi che mette maggiormente in evidenza il deficit del nostro sistema di diritto allo studio.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl 10 Ottobre gli studenti tornano in piazza
Articolo successivoDuemila ricorsisti irrompono a Medicina
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II