COMUNICATO STAMPA

Con l’imminente riapertura delle scuole, partiranno anche le procedure per tornare a fare funzionare il Forum della gioventù, l’organismo composto da giovani di età compresa tra 16 e 29 anni chiamato a collaborare con il Comune sulla programmazione delle iniziative di politica giovanile. È l’intento dell’amministrazione guidata dal sindaco Ciro Borriello, che sarà portato avanti dall’assessore con delega alle Politiche giovanili Anita Di Donna. Per garantire una partecipazione più ampia e convinta, nei prossimi giorni – subito dopo la ripresa della attività didattiche – saranno promossi una serie di incontri negli istituti superiori, curati dalla stessa Anita Di Donna e dal consigliere comunale Luigi Caldarola, con l’obiettivo di favorire una partecipazione fattiva e ragguardevole alle prossime elezioni per il Forum:

“Che – afferma l’assessore alla Politiche giovanili – se tutto andrà come prevediamo, potrebbero svolgersi il prossimo novembre, con la concreta possibilità che il nuovo Forum della gioventù possa iniziare a essere operativo a partire da gennaio 2015. Nel frattempo, avremo modo di contattare i componenti uscenti dell’organismo, per vagliare con loro idee utili ad avvicinare i giovani alla consultazione e più in generale alle attività del Forum”.

“Mi sento vicino – gli fa eco Caldarolanon solo per ragioni anagrafiche, alle attività legate alle politiche giovanili. Il particolare, ritengo il forum strumento importante per dare voce ai ragazzi che faticano ad avere un ‘dialogo’ con i rappresentanti delle istituzioni, specie con noi amministratori, e allo stesso tempo costituisce anche un’utile occasione per l’ente per conoscere le esigenze dei ragazzi”.

L’obiettivo dell’assessorato guidato da Anita Di Donna è quello di promuovere una campagna di comunicazione e informazione sull’importanza del Forum della gioventù che – regolamento istitutivo alla mano – ha molteplici funzioni: in particolare può predisporre proposte per “organizzare, in collaborazione con il Comune, la promozione e realizzazione di iniziative pubbliche e di volontariato in materia di politiche giovanili; definire gli obiettivi e i programmi relativi alle politiche giovanili di competenza dell’amministrazione; dare ai giovani la possibilità di esprimersi e di agire su problemi che li riguardano, formandoli alla vita democratica e alla gestione della vita della comunità; promuovere iniziative pubbliche, convegni, dibattiti, ricerche in materia di politiche giovanili; promuovere progetti a livello locale, provinciale, regionale e comunitario anche in collaborazione con enti pubblici, associazioni e altri forum, rivolti ai giovani; promuovere un rapporto di comunicazione con i giovani del Comune in collaborazione con le realtà, le aggregazioni, le istituzioni presenti nel forum o interessate ai lavori dello stesso; favorire la costituzione di un sistema informativo integrato fra amministrazione locale, giovani e aggregazioni giovanili, rispetto ai bisogni emergenti sul territorio comunale e agli interventi ad essi relativi; emanare per il suo funzionamento propri regolamenti interni da trasmettere all’amministrazione comunale che potrà richiedere correzioni o integrazioni laddove si ravvisino elementi di contrasto con i principi a base della istituzione del forum; intrattenere, attraverso i rapporti di collaborazione organizzati dal Comune, valide relazioni culturali e sociali con altre organizzazioni dei Paesi esteri, al fine di perseguire la cooperazione e lo sviluppo tra i popoli”.

Redazione