NAPOLI- “Deve marcire in carcere, non deve avere un’ombra di pace per tutta la vita”– dice Flora, la madre di Davide.
”Giustizia non vendetta. Cercheremo giustizia fino alla fine dei nostri giorni”– aggiungono alcuni manifestanti.

Quasi 200 persone hanno sfilato in corteo questo pomeriggio sotto una pioggia battente nel Rione Traiano ricordando Davide Bifolco, il ragazzo ucciso dal carabiniere con un colpo di pistola, con la sola ”colpa” di non essersi fermato allo stop, ignorando la segnaletica stradale.
Non sono mancati momenti di tensione nei quali gli organizzatori della protesta sono riusciti però riusciti a tranquillizzare i manifestanti.
La presenza sul luogo ha voluto essere, hanno spiegato gli organizzatori, “un segnale lanciato ai carabinieri senza ricorrere alla violenza”.
Un duplice lancio di lacrimogeni ha fatto indietreggiare tuttavia i manifestanti che avevano organizzato il blocco stradale alla rotonda di via Cinthia e bloccato l’uscita della Tangenziale.
E’ quanto riferisce la Questura di Napoli evidenziando che in alcuni dei momenti più concitati un funzionario della Digos è stato aggredito.
A Fuorigrotta gli agenti hanno tolto i caschi, incassando così l’applauso della gente.

”Esprimo profondo dolore per la morte di Davide Bifolco, un ragazzo di appena 17 anni -afferma il sindaco di Napoli Luigi De Magistris.
Il pensiero -prosegue De Magistris è adesso rivolto alla sua famiglia, scossa da questo drammatico lutto, che ferisce anche tutta la nostra città”

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn banchetto a base di Cortázar!
Articolo successivoPadoan alla Festa de l’Unità: Legge di Stabilità pronta a breve
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II