NAPOLI-  Stefano Caldoro in un’intervista rilasciata ieri al TG3 Campania, esclude la possibilità di un suo coinvolgimento diretto a Bagnoli, immaginando una figura di carattere tecnico.

‘Abbiamo tenuto bloccata per venti anni una zona così bella. Penso che bisogna trovare privati che investono e non costruire società che poi non si capisce bene cosa debbano fare. Il Governo deve finanziare le bonifiche, ma gli investimenti devono arrivare dai privati. Spero che attraverso lo Sblocca Italia si possano avere gli strumenti necessari per decidere in tempi brevi. In questo momento di grave difficoltà per il paese e per il Mezzogiorno -aggiunge il governatore -bisogna lavorare in pieno accordo istituzionale perchè l’interesse dei cittadini è sempre prioritario”.

Dal numero uno di Santa Lucia, giungono anche forti rassicurazioni sui fondi europei: ”Non andrà perso nemmeno un euro, anche se è abbastanza chiaro che siamo partiti da una situazione molto difficile”.

Da palazzo San Giacomo invece non accolgono favorevolmente il commissariamento di Bagnoli, nonostante i fitti dialoghi tra De Magistris e Renzi degli ultimi giorni.
il vicesindaco Tommaso Sodano infatti su Repubblica, qualche giorno fa bocciava nettamente l’ipotesi.
L’assessore all’Urbanistica, Carmine Piscopo, sulle colonne del Mattino, accoglieva positivamente l’idea del commissario, peraltro sempre presente quando vengono impiegati fondi dello Stato.

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteScozia: indipendenza quasi ad un passo
Articolo successivoBerlusconi: “La Nato è irresponsabile”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II