Terminata la sessione estiva del mercato italiano di calcio, ed archiviata la prima giornata di campionato, è tempo di resoconti e valutazioni per le Big del calcio nostrano:

  • JUVENTUS 7                                                                                                                              Squadra che vince non si cambia. Marotta non vende i top player Pogba e Vidal, e dopo la sceneggiata di Antonio Conte ingaggia Massimiliano Allegri. Il tecnico livornese potrà contare su una rosa più qualitativa rispetto a quella dell’ultima stagione grazie agli innesti di: RomuloPereyraEvraComan e Morata. Buone le cessioni di Vucinic e Quagliarella e gli ingaggi di giovani promesse come Rugani e Berardi. Unica nota stonata il mancato ingaggio di un centrale di livello.
  • ROMA 8                                                                                                                                               La vera regina del mercato. Soffia Iturbe alla Juve, vende Benatia al Bayern Monaco per 30mln  di euro e lo rimpiazza con Astori, Manolas ed ultimo in ordine Yanga-Mbiwa. Ottimi i rinforzi in mediana di Ucan e Keita, da rivedere gli ingaggi di A. Cole ed Emanuelson sugli esterni. In attacco tutti confermati; peccato per la non partenza di Borriello e Ljajic che troveranno poco spazio nell’11 giallorosso.
  • NAPOLI 3                                                                                                                                  Decisamente da bocciare la società partenopea che esce fortemente ridimensionata dalla sessione estiva del mercato. De Laurentis e Bigon riescono nell’impresa di peggiorare ulteriormente una rosa già non molto competitiva. Mancano rincalzi ed alternative ma sopratutto sono mancate le idee ed il feeling con l’allenatore Rafa Benitez le cui richieste, questa volta, non sono state assecondate in toto. Il mancato accesso alla Champions peserà e non poco sull’economia e gli umori della squadra.
  • FIORENTINA 6                                                                                                                  Confermato Cuadrado, la società viola ha lavorato prevalentemente per rinforzare la rosa. Marko MarinKurticBadelj e la scommessa Brillante saranno ottime alternative in mezzo al campo, mentre Richards (ex Manchester City) non dovrà far rimpiangere l’addio di Roncaglia ceduto al Genoa. In attacco rientrano Babacar e Bernardeschi, ma attenzione a Giuseppe Rossi e Mario Gomez sempre a rischio infortuni.
  • INTER 6,5                                                                                                                                        La società nero-azzurra ha lavorato con grande accortenza ed oculatezza liberandosi di ingaggi onerosi e abbassando notevolmente il tetto salariale, ma allo stesso tempo migliorando il tasso qualitativo della squadra. In difesa Vidic è un leader assoluto e Dodò  una valida alternativa sulle fasce, a centrocampo ottimi gli innesti dei due mediani Medel e M’Vila che offriranno copertura e sicurezza al fantasista Kovacic, da cui ci si aspetta quest’anno il salto di qualità. Peccato per la non conferma di Rolando e la presenza di soli tre attaccanti in rosa (da segnalare però l’ingaggio di Osvaldo in prestito).
  • MILAN 5.5                                                                                                                                    La squadra, seppur di poco, sembra esser migliorata qualitativamente rispetto all’anno scorso, ma si poteva fare di più. In porta sono arrivati Diego Lopez dal Real Madrid a parametro zero, ed Agazzi dal Chievo. In difesa con Mexes e Zaccardo fuori dal progetto tecnico, manca un centrale, oltre Zapata, che faccia rifiatare la coppia RamiAlex, quest’ultimo preso a parametro zero in casa del PSG. Un vero peccato la cessione di Cristante che fa posto all’olandese V.Ginkel arrivato in prestito secco dal Chelsea; buono l’ingaggio di Bonaventura dall’Atalanta. In attacco fuori Mario Balotelli (ceduto al Liverpool con la benedizione di Berlusconi) Kakà, Robinho e Paloschi e dentro Fernando Torres. L’ex attaccante spagnolo del Chelsea è reduce da un biennio non propriamente felice ed ha scelto il campionato italiano per rilanciarsi. Una domanda sorge però spontanea: perchè Galliani investe ogni anno sugli ingaggi e non sui cartellini? Qual’è il progetto tecnico del Milan?

Russo Lorenzo