NAPOLI- La morte di Davide ha acceso inevitabilmente i riflettori nazionali sul Rione Traiano, quartiere a nord di Soccavo che oggi stima circa 50.000 abitanti.
Negli anni 60’alle famiglie povere furono affidati questi alloggi in palazzine alte non più di tre piani.
Oggi il Rione Traiano risulta ancora abitato in parte da quelle famiglie con molte abitazioni riscattate dalle seconde generazioni.

Il Rione Traiano è un quartiere difficile, abbandonato dalle istituzioni locali e nazionali, dove manca una scuola che possa fungere da  vero centro della cultura.
Non esistono strutture sportive, ricreative e sociali per i giovani.
I trasporti sono carenti, con gli autobus che circolano addirittura ogni 30′ minuti.

Oggi il Traiano  è visto dalla camorra come il grande supermercato della droga da gestire nelle piazze e tra i viali con i clan che si fronteggiano a colpi di agguati, raid e omicidi.
Quindi concretamente come fare a sottrarre alla malavita organizzata i tanti ragazzi che non vedono prospettive per il loro futuro?
Intervenendo concretamente sul territorio, investendo risorse nel sociale e nella cultura.
Traiano vanta il complesso dell’università di Monte Sant’Angelo ad un passo con la tangenziale e la cumana, risorsa da valorizzare.
La Giunta comunale De Magistris deliberò l’approvazione del Programma di recupero  nel gennaio 2012, per la riqualificazione dell’intero tessuto urbano.
Troppo poco. La gente aspetta segnali per smentire chi scrive di questa, come una periferia senza speranza, abbandonata quindi al proprio destino.
Ai posteri l’ardua sentenza…

Intanto dopo l’ennesima manifestazione di ieri Lunedì pomeriggio gli studenti si riuniranno https://www.facebook.com/events/273485222842788/?fref=ts  per costruire un corteo in memoria di Davide.

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSettembre ai Decumani: a Spaccanapoli la Napoli che spacca
Articolo successivoPD nel caos, primarie da indagati

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II