NAPOLI – Nello sblocca-Bagnoli la Regione avrà un ruolo centrale nella programmazione delle opere, compresa la bonifica e la parte umanistica.

Ad anticipare la bozza che sta per giungere al Quirinale è Il Mattino.
A questo punto il rischio di esproprio delle prerogative dell’Amministrazione e del Consiglio comunale, paventato qualche tempo dal sindaco De Magistris e dalla maggioranza arancione, appare concreto.
La partita di Bagnoli per Palazzo Chigi è troppo importante e il Comune sconta 20 anni di silenzi, dove anche la bonifica è stata un miraggio. La Regione quindi assumerà centralità e avrà “voce” anche nella scelta del Commissario.
Il territorio di Bagnoli-Coroglio passerà sotto sotto il controllo del governo e potrebbe estendersi addirittura all’area ex Nato.

Ma quali saranno gli effettivi compiti del Commissario? Dovrà innanzitutto vigilare ed attuare il programma di risanamento ambientale e di riqualifica dell’intera zona urbana.
All’Articolo 34, tre pagine per segnare la svolta, contenuta nello Sblocca Italia. A pagina 38, nel titolo ”Misure urgenti in materia ambientale”. Nell’articolo 34 Bonifica Ambientale e riqualificazione urbana delle aree di rilevante interesse nazionale -Comprensorio Bagnoli -Coroglio.

Al comune, quindi andrà la ”sola” Conferenza dei servizi.
Solo giorno fa il Presidente di Fare Città Gianni Lettieri, invocava il comune come soggetto attuatore.
Secondo l’ex numero uno degli industriali di Napoli, Palazzo San Giacomo deve costituire una sua partecipata o utilizzare direttamente la NapoliServizi per entrare nella gestione diretta dell’area.
L’ex sfidante di De Magistris si dice inoltre pronto a sottoporre al nuovo Commissario il suo disegno, elaborato con l’ausilio di architetti.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteCsm nel caos: solo due nomine su otto
Articolo successivoIn rosso: questi sono i conti di Forza Italia

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II