NAPOLI- I napoletani alle tradizioni non rinunciano mai, se poi si parla di San Gennaro bisogna stare molto attenti a ciò che si dice. Il legame tra il Santo Patrono e i suoi cittadini può definirsi davvero di “sangue”.

San Gennaro, il cui vero nome era Ianuario, può sicuramente considerarsi una delle figure più note del panorama partenopeo e in tutto il mondo. Il suo sangue è custodito in due piccoli balsamari vitrei databili ai primi decenni del IV secolo.

Correva l’anno 1389 quando, in occasione della festa dell’Assunta, Napoli era nel pieno di festeggiamenti: ed ecco avvenire la liquefazione del sangue. Un miracolo, che da allora, si ripete due volte all’anno. La cronaca racconta che il sangue si era liquefatto come se fosse sgorgato quel giorno stesso dal corpo dando l’impressione che il miracolo stesse avvenendo per la prima volta. Da allora il culto si andò intensificando sempre più portandosi con sé credenze popolari e superstizioni.  I napoletani attendono Maggio e Settembre per poter avere l’auspicio di un buon anno, inoltre come non pensarci dopo l’accaduto del 1980. Un anno catastrofico che iniziò con la tarda liquefazione del sangue e che proseguì con il terremoto del 23 novembre. L’attesa del miracolo può variare ma ai napoletani questo non importa. La superstizione e la credenza, così come l’affetto che pian piano si è maturato per questo santo, va oltre ogni limite spaziale e temporale. È accolto, infatti, ogni anno con numerosi festeggiamenti,rendendo la celebrazione nota in tutto il mondo.

Cerchiamo di capire, quindi, quali saranno le aspettative e i programmi inerenti al 19 settembre. La novità più importante sicuramente riguarda la diretta streaming. Questa,utorizzata dal Cardinale Sepe, porterà il miracolo del santo in quasi tutta l’America. Inoltre, quest’anno, il Comune ha avviato un progetto di valorizzazione delle feste religiose cittadine facendo riscuotere, di conseguenza, numerose visite al Duomo già in questi giorni. Saranno avviate prossimamente iniziative religiose e per la giornata mondiale del Turismo, pianificata per il 27 settembre, sarà possibile visitare i musei e i luoghi del Santo Patrono a prezzi ridotti.

 

Ecco di seguito il sito ufficiale dell’evento con programmazione ufficiale e dettagliata:

http://sangennaro.eu/

 

Carmela Davide