ghostbusters_movie_image_01

Dopo oltre vent’anni di trattative, sembra ormai certo che il terzo episodio dei Ghostbusters vedrà la luce. La commedia è stata una delle pellicole cult degli anni ottanta, un vero e proprio trionfo planetario con quasi cinquecento milioni di dollari incassati al botteghino. Sull’onda del successo, cinque anni dopo, è stato prodotto anche un secondo capitolo. Da allora sono state tante, tantissime, le voci che si sono rincorse secondo le quali era imminente la continuazione della saga degli Acchiappafantasmi. Voci prontamente smentite dagli stessi protagonisti. Finalmente, però, la Sony pare abbia rotto gli indugi e si appresta a definire le fondamenta del nuovo film.

Sembra certo l’abbandono dello storico regista Ivan Reitman che, per sua stessa ammissione, dovrebbe ricoprire le vesti di produttore così da rimanere vicino allo sviluppo della pellicola. Una scelta che garantirebbe la giusta qualità ma anche una dose di freschezza inevitabili per la buona riuscita della storia. Il nuovo direttore d’orchestra dovrebbe essere Paul Feig. Non esattamente un nome illustre, praticamente sconosciuto nel bel paese, ma un regista totalmente immerso nel mondo delle commedie che, ora, è chiamato alla consacrazione nella Hollywood che conta.

Sono previste rivoluzioni anche per quanto riguarda il cast. Il reboot del franchise sembra indirizzato verso una linea rosa che vedrebbe quattro donne all’inseguimento dei fantasmi newyorkesi. La prematura scomparsa di Harold Ramis e le continue incertezze di Bill Murray nell’indossare nuovamente lo zaino protonico, rendono irrealizzabile la reunion sul set dei quattro acchiappafantasmi che hanno conquistato milioni di fans. Appare forzata, quindi, la scelta di stravolgere le aspettative degli spettatori e di regalare un prodotto totalmente nuovo, con poche attinenze col passato.

Intervistato al Toronto Film Festival, Bill Murray sembra sostenere l’idea di una pellicola tutta al femminile e propone quattro nomi che potrebbero avere le carte in regola per ricoprire quel ruolo. Le prime indiziate sono Melissa McCarthy e Kristen Wiig, con cui Feig ha già collaborato in passato. Linda Cardellini ed Emma Stone sono le altre due attrici, secondo Murray, perfette per vestire gli abiti da acchiappafantasmi. Al momento, però, non sembrano esserci ancora contatti con nessuna delle quattro nonostante l’identikit possa corrispondere a quello richiesto dalla produzione.

Il terzo capitolo dei Ghostbusters dovrebbe entrare in pre-produzione entro la fine dell’anno, per poi arrivare nelle sale nel 2015. La sceneggiatura sembrerebbe essere affidata al duo composto da Gene Stupnitsky e Lee Eisenberg, con la collaborazione di Dan Aykroyd. Più che probabile qualche cameo dei vecchi acchiappafantasmi. Un ritorno di Sigouney Weaver o Rick Moranis non è totalmente da escludere.

Cercare di dare nuova linfa ad una serie di film così importanti non è certamente facile così come non è affatto semplice sorprendere lo spettatore moderno con un prodotto di oltre venti anni fa. I primi due film poggiavano quasi interamente sulle spalle di Bill Murray e Dan Aykroyd, per ripetere quel successo sarà fondamentale trovare interpreti di pari valore. Il flop è dietro l’angolo ma sentir parlare ancora di ghost-trap o di energia ectoplasmatica non può far altro che bene a tutti gli amanti del genere.

Luca Cerbone