NAPOLI- Proseguono a ritmo incalzante le manovre in vista del 12 Ottobre, data in cui si eleggeranno i rappresentanti della Città Metropolitana, ente che di fatto sostituirà la vecchia Provincia di Napoli.

Il Consiglio Metropolitano di Napoli sarà  composto dal sindaco del capoluogo (quindi dal primo cittadino di Napoli Luigi De Magistris) più altri 24 consiglieri, essendo la popolazione residente superiore ai 3 milioni di abitanti. Nei casi in cui il comune da cui provengono i votanti risulti commissariato sindaco e consiglieri comunali perdono automaticamente il diritto al voto proprio in virtù del commissariamento. Le elezioni si svolgeranno tra le ore 8 e le ore 20 di domenica 12 ottobre 2014: gli aventi diritti al voto saranno unicamente i sindaci ed i consiglieri comunali dei municipi coinvolti nella nuova area metropolitana della città di Napoli. Le liste di candidati per l’elezione dei consigli provinciali devono essere composte da un numero di candidati non inferiore alla metà del numero dei consiglieri da eleggere. Le stesse liste potranno essere presentate entro il tredicesimo giorno antecedente la votazione: c’è dunque ancora tempo (circa tre settimane) per la presentazione di tutti i candidati.

Compito non facile sarà quello di De Magistris, il quale assumendo la carica di sindaco metropolitano, dovrà amministrare un vasto territorio da Pozzuoli al vesuviano passando per l’area nord e la Terra dei fuochi.
Ad affiancare l’attuale numero uno di Palazzo San Giacomo, in qualità di vice sindaco potrebbe essere Venanzio Carpentieri, già sindaco di Melito e segretario provinciale del PD di Napoli. L’alternativa a Carpentieri, potrebbe essere rappresentata dal sindaco di Afragola Domencio Tuccilo. Intanto nei giorni scorsi De Magistris ha espresso non poche preoccupazioni:“A pochi giorni dalle elezioni per la citta’ metropolitana e a poche settimane dall’effettiva entrata in vigore della riforma, e nonostante le rassicurazioni da parte del Governo, non solo mancano i fondi – ha aggiunto il sindaco – per gli enti locali interessati dalla legge Delrio, ma regna anche una preoccupante incertezza su questa fase di transizione rispetto alla Provincia e ai servizi che essa e’ chiamata a garantire fino a dicembre”, ha concluso de Magistris

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteMosse di seppia, così si ritorna a far poesia
Articolo successivo“Quattro zampe in fiera” arriva a Napoli
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II