NAPOLI- Arturo Equabile ventiquattrenne latitante del caso Bifolco è stato arrestato dai carabinieri la scorsa notte.

Equabile, al momento dell’arresto, sembra si trovasse in un bar a Casoria per incontrare una ragazza con cui ha una relazione. Il ragazzo era latitante dal febbraio scorso dopo essere evaso dai domiciliari dove era in attesa di essere giudicato per furto. Da allora si era reso irreperibile. Ora rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale per i fatti di Rione Traiano: per gli investigatori, infatti, c’era lui in sella allo scooter sul quale si trovava Davide Bifolco, la notte tra il 4 e il 5 settembre. E fu lui – secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine – per cercare di sottrarsi alla cattura, a dar vita a uno spericolato inseguimento conclusosi con la morte di Bifolco.

Il ventiquattrenne è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale, dove nei prossimi giorni verrà interrogato dai magistrati.
Equabile, in una recente intervista aveva affermato di non aver commesso alcun reato, «Sono imputato perchè delle persone avevano delle microspie in auto e parlavano di un furto e di un certo Arturo, ma quello non ero io». «Qualcuno diceva – continua – che se mi prendevano i carabinieri mi ammazzavano. E io mi chiedo perchè hanno ammazzato Davide? Al posto suo potevo esserci io»

Intanto la famiglia Bifolco smentisce la versione  dei carabinieri e vuole dimostrare che quella sera il ragazzo non era in scooter con un latitante.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteJobs Act e disoccupazione d’Italia al 12,6%: l’FMI interviene
Articolo successivoEbola, Onu: si a intervento contro “minaccia alla pace”

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II

1 COMMENTO

  1. è stata montata ad hoc la storia che ci fosse un “latitante ” con la vittima perchè ex art 53 C.P. se c’è un latitante in fuga il poliziotto può sparare. Che vergogna l’Italia

Comments are closed.