Alla luce dei provvedimenti assunti dal Governo”scrive nel suo comunicato la Fiom“la Segreteria nazionale della Fiom-Cgil ha deciso di anticipare la manifestazione nazionale di Roma al 18 ottobre ed invita i suoi delegati e le strutture territoriali a proclamare assemblee in sciopero in tutti i luoghi di lavoro.”

Il Sindacato dei metalmeccanici si mobilita contro le politiche de lavoro del governo Renzi e manifesterà il 18 ottobre e l’8 novembre. La manifestazione è stata anticipata al 18 per l’accelerazione brusca del governo sulla legge delega. Maurizio Landini ha risposto, da Mentana, al videomessaggio del Premier: “Il Parlamento fa le leggi, vorrei ricordarlo al premier, non le facciamo noi e le leggi che hanno reso precario il lavoro sono state fatte dal parlamento e, in larga parte, anche dal partito che egli stesso rappresenta e non l’ho mai sentito fare particolari critiche..”. Attacco duro, una risposta al “dove eravate” di Matteo Renzi.

Il comunicato della Fiom spiega le proprie motivazioni: “Siamo di fronte a proposte del Governo che cancellano interi articoli dello Statuto dei lavoratori, provocando il peggioramento dei diritti, delle tutele e della dignità di tutte le persone nei luoghi di lavoro. Se i provvedimenti dell’Esecutivo diventeranno legge, i lavoratori licenziati ingiustamente non potranno più riottenere il proprio posto di lavoro ma solo un indennizzo economico, sarà possibile il demansionamento dei lavoratori e il loro controllo a distanza.”

Landini, poi parla anche dei sindacati: “Penso ci sia bisogno di una riforma del sindacato, ma ciò che oggi si propone non è un’estensione dei diritti, ma togliere di diritti a tutti. Il lavoro va tutelato. Il sindacato è un diritto delle persone che lavorano, ci vuole una legge sulla rappresentanza, i lavoratori devono votare ciò che noi sottoscriviamo.”

La Fiom rivendica le proprie proposte: “Il Paese ha bisogno di affermare il diritto al lavoro, combattere la precarietà ed estendere l’’occupazione stabile, combattere la corruzione e l’evasione fiscale, far ripartire gli investimenti pubblici e privati, definire una vera politica industriale, qualificare la contrattazione collettiva ed estendere universalmente le tutele sociali, di cittadinanza e il diritto alla formazione per tutte le persone.” Per cui: “L’Assemblea nazionale delle delegate e dei delegati Fiom-Cgil – che si terrà il 26 e 27 settembre a Cervia – deciderà in dettaglio le modalità della manifestazione. Definirà, inoltre, le proposte per la difesa e la qualificazione del nostro sistema industriale e manifatturiero. Proposte che saranno sostenute con la mobilitazione e sottoposte al Governo ed al Paese per chiedere le riforme necessarie – anche nel rapporto con l’Europa – al fine di far ripartire una nuova crescita ed una vera e stabile occupazione.”

L’8 novembre, invece, saranno in piazza i lavoratori dei servizi pubblici di Cgil, Cisl e Uil per una manifestazione sulla riforma della pubblica amministrazione: “Saremo in piazza a Roma, tutti insieme, per sfidare il Governo degli illusionismi e delle divisioni; per chiedere una vera riforma delle Pa, dei comparti della conoscenza, dei servizi pubblici. E per rivendicare il diritto al contratto nazionale di lavoro tanto per i lavoratori pubblici quanto per quelli privati”, si legge nella nota congiunta dei tre sindacati, che continua: “Cinque anni di tagli lineari forsennati, di blocco delle retribuzioni, oltre dieci di blocco del turn-over, un esercito di precari senza certezze e tutele, riforme fatte in fretta e male: il sistema è al collasso, mentre la spesa continua a crescere nonostante i tagli al welfare e il caro prezzo pagato dai dipendenti pubblici, oltre 8 miliardi di euro in 5 anni”. Autunno molto caldo, quindi, la Fiom annuncia: “È il momento di mobilitarsi, un lavoro senza diritti è un ritorno all’800.”

Luca Mullanu

CONDIVIDI
Articolo precedenteAl Matilde Serao si studia cinese
Articolo successivoHong Kong, lotta per la democrazia
Lavoratore precario nel settore del turismo, appassionato di politica sin dalla nascita. Fondatore e ideatore di Libero Pensiero online, insieme ad Emanuele Tanzilli. Cuore a sinistra, contribuisce alla crescita della FGCI, di cui era anche Segretario Provinciale di Napoli. Attualmente senza casa politica, come tanti e tante di sinistra che non si riconoscono più in nessun soggetto organizzato. Un libero pensatore: scrive praticamente da sempre. Da ragazzo, come tantissimi altri, avvertiva il peso delle ingiustizie della società: voleva cambiare il mondo e ha cominciato ad impegnarsi durante i primi anni di Liceo. Ha sempre odiato le ingiustizie, tanto quanto i suoi compagni di viaggio. Non ama i dogmi, ma lo anima la voglia di discutere.