POMIGLIANO D’ARCO- Qualche giorno fa avevamo scritto dell’allarme lanciato della Dirigente Scolastica dell’ISIS Europa di Pomigliano D’Arco Prof.essa Rosanna Genni  CLICCA QUI, circa la mancanza di spazi all’interno dell’istituto, nonostante gli 11 milioni di euro già stanziati per la costruzione del nuovo plesso scolastico.

Per fare maggiore luce sulla vicenda, abbiamo contattato telefonicamente l’Assessore della Provincia di Napoli all’Edilizia Scolastica Maurizio Moschetti, di seguito quanto ha dichiato:

Buongiorno Assessore, gli 11 milioni di euro stanziati tempo fa dalla Provincia per la costruzione del nuovo plesso scolastico da destinare all’istituto ISIS Europa che fine hanno fatto?
”Guardi attualmente abbiamo un indisponibilità economica che deriva dai tagli attuati all’ente Provincia di Napoli.
In particolar modo, negli ultimi tre anni abbiamo perso qualcosa come 138 milioni di euro.
Ora abbiamo il problema di rientrare nel patto di stabilità e gli 80 euro che il governo Renzi ha destinato alle famiglie, hanno provocato ulteriori 120 milioni di euro di tagli al nostro ente”

Quindi le condizioni critiche in cui versano molte scuole di Napoli e Provincia sostanzialmente per adesso non sono risolvibili?
”Esattamente. Noi siamo in carica fino a Dicembre 2014 e come saprete a breve entrerà a regime la città Metropolitana. Probabilmente spetterà al nuovo ente risolvere i casi più spinosi”.

”Esiste un evidente vuoto legislativo degli organi” -dichiara il coordinatore regionale dell’UdS Campania Raffaele Guarino.
E’ impensabile che il governo per dare gli 80 euro alle famiglie, debba effeture tagli sugli enti pubblici amministrativi’. Renzi deve rispondere con chiarezza e con fatti concreti, quali siano le effettive risorse a disposizione delle scuole di Napoli, provincia e Campania -conclude Guarino.

”La cittadella scolastica – aggiunge Gianluigi Renzi responsabile UdS Pomigliano – doveva essere il progetto per far risorgere le scuole pomiglianesi, ma grazie agli immancabili tafferugli politici continua ad essere solo un sogno rimandato anno dopo anno. L’edilizia scolastica sembra essere tornata all’ordine del giorno come tematica ma spero che il governo sappia che i fondi stanziati bastano a coprire uno scarso 10% dei problemi edilizi. La scuola -conclude Renzi- ha bisogno di investimenti, bisogna andare oltre il 4,2% del Pil(54esimi nella classifica europea della percentuale di PIL utilizzata nell’istruzione, una vergogna).

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteImprese, sì all’articolo 18
Articolo successivoArriva a Pomigliano D’Arco la seconda edizione del “Pizza Village Festival”.

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II