Dopo le fortunate esperienze in televisione e nel web, Maccio Capatonda è pronto a sbarcare al cinema. Lo scorso 22 settembre sono iniziate, nel capoluogo lombardo, le riprese del suo primo lungometraggio che terranno impegnato il comico per sei settimane. L’artista abruzzese, al secolo Marcello Macchia, è pronto a vestire i panni dell’ambientalista Giulio Verme, un quarantenne in crisi depressiva che si ritrova a lavorare in un centro di smistamento rifiuti. Il titolo del film Italiano Medio, seppur ancora provvisorio, lascia trasparire la piena volontà dell’attore di riproporre sul grande schermo uno dei suoi più celebri fake trailer.

L’annuncio della trama ha spazzato via ogni dubbio, il film svilupperà le tematiche già affrontate nell’omonimo sketch. Avvilito da un’esistenza povera di emozioni, Giulio decide di iscriversi all’associazione Mobbasta per opporsi allo smantellamento di un parco cittadino ma non riesce a portare a termine il proprio intento. In seguito Alfonzo, un suo amico d’infanzia, gli farà conoscere un rimedio efficace per i suoi problemi: una pillola miracolosa che gli farà usare solo il 2% del proprio cervello. E’ proprio questa la soluzione che porterà Giulio a superare la depressione. Oramai, non sembra interessarsi più all’ambiente ma solamente a se stesso e comincerà a condurre una vita da “italiano medio” dedita solamente alle donne ed ai vizi.

Marcello Macchia sarà anche il regista e lo sceneggiatore di un film che proverà a raccontare il mondo di un’intera generazione, perennemente in bilico tra la volontà di cambiare le cose e l’estremo menefreghismo. La produzione, affidata a Lotus Production ed a Medusa Film, sembra abbia confermato in toto lo storico cast a partire da Herbert Ballerina e Rupert Sciamenna per finire, poi, ad Anna Pannocchia e ad Ivo Avido. Annunciata anche la partecipazione di Nino Frassica. Collaboreranno alla stesura dei dialoghi, oltre a Maccio Capatonda, anche un nutrito numero di sceneggiatori. E’ già in rete un finto trailer che annuncia la nascita del film.

A fronte di un seguito di pubblico inimmaginabile sia sui social network sia sulle piattaforme video, Italiano Medio si prepara ad essere un trionfo già annunciato. Sulla scia di successi come I Soliti Idioti e dei film di Checco Zalone, un altro protagonista del piccolo schermo tenta di compiere il salto cinematografico. La data di uscita della pellicola è tutt’ora incerta. Sembra difficile che possa vedere la luce nel periodo natalizio a causa della forte concorrenza al botteghino di titoli imponenti come Lo Hobbit e degli italianissimi cinepanettoni. Appare, quindi, più realistica l’idea di ritrovare Maccio Capatonda al cinema da gennaio.

Marcello Macchia si è dimostrato negli anni, una delle realtà comiche più interessanti del panorama italiano. Sin dai primi lavori con la Gialappa’s Band è parso un artista fuori dagli schemi, pronto a regalare qualcosa di nuovo. Il suo passaggio a MTV e la creazione di tanti nuovi personaggi non hanno affatto intaccato la genuinità delle sue opere. Il tentativo di cimentarsi in un modo tutto nuovo, come può essere quello cinematografico, però non è affatto facile. Riportare in una pellicola di un’ora e mezza, tempi comici spesse volte racchiusi in scenette di pochi minuti, può dare risultati ben lontani da quelli sperati. La speranza dei fan è che, una volta visto il film, nessuno se ne penta.

Luca Cerbone