L’ossitocina è quell’ormone che stimola nelle donne le contrazioni della muscolatura liscia dell’utero. Durante l’ultimo periodo della gravidanza la responsività dell’utero all’ossitocina aumenta esponenzialmente. L’ormone si occupa infatti del mantenimento del travaglio e del parto, ma diversi studi hanno dimostrato un collegamento tra questa macromolecola e il piacere sessuale.

Nel maschio si è visto che aumenta il volume dell’eiaculato, la mobilità degli spermatozoi e recenti studi hanno dimostrato che l’ossitocina, se somministrata tramite spray nasale negli uomini, produce un deciso miglioramento delle loro funzioni sessuali, dell’erezione e dell’intensità orgasmica.

Una delle cose più interessanti però è il suo ruolo nei rapporti umani.
L’ossitocina sembra essere una delle responsabili dell’aumento di empatia, nonchè di fiducia verso le altre persone e viene secreta abbondantemente quando vi è un forte coinvolgimento emotivo.
Basti pensare che nelle donne è responsabile degli istinti materni (le donne hanno il 30% di ossitocina in più rispetto agli uomini) e che stimola le cellule dei dotti lattiferi delle mammelle, provocando una contrazione delle cellule muscolari e la secrezione del latte. Ciò avviene in risposta allo stimolo della poppata. Si è visto infatti che iniezioni di ossitocina nel cervello delle femmine di topo creano un comportamento materno in femmine non gravide, mentre gli inibitori portano invece a dimenticarsi dei piccoli se si allontanano.

La produzione dell’ormone nelle donne aumenta con la stimolazione tattile di seni e capezzoli (reazione uguale a quella dell’allattamento), così come della clitoride, sollecitando la liberazione di prolattina e di dopamina durante l’orgasmo, che risulta più intenso.
L’orgasmo femminile è infatti una risposta neuroanatomica che, causando le contrazioni delle pareti vaginali, aumenta la probabilità di essere fecondate.

Ciò ha fatto pensare che quest’ultimo non sia altro che una risposta inconscia della femmina per colui che ritiene il partner più adatto.
Attualmente però il preciso meccanismo d’azione biochimico di questo ormone non è ancora completamente chiarito. Ciò di cui siamo certi è che gioca un ruolo principale nella sessualità e nei rapporti interpersonali.
Ma vuoi vedere che l’amore, sentimento cantato per millenni dai poeti, non è altro che Ossitocina?

Christian Nardelli