Block BCE – Mattinata complessa a Napoli, a partire dalle 8:30 del mattino è previsto il consiglio direttivo (18 governatori della banche centrali che aderiscono all’area euro e dei sei executive directori, tra i quali anche il presidente Mario Draghi) che si svolgerà presso il Museo di Capodimonte, fino in serata. Atteso anche Giorgio Napolitano.

La città, nel frattempo, ospita anche una contromanifestazione che parte da Colli Aminei, secondo gli organizzatori si parla di circa ventimila persone, in prossimità della Linea 1 della Metropolitana di Napoli, per percorrere viale Colli Aminei e via Miano fino all’ingresso del Parco di Capodimonte.

Prevista l’area rossa, che comincia tra via Colli Aminei e Via Miano, oltre questa linea non si potrà avanzare. Gli organizzatori del corteo in rete assicurano: “Sarà una manifestazione pacifica per rivendicare i propri diritti e la città non deve avere paura, non deve cadere nel tranello di chi vuole strumentalizzare la nostra protesta”.

La diretta dalla piazza centrale a cura di: Luca Mullanu, Pasquale De Laurentiis, Serena Spennato

14:50

L’intervento di Andrea, a conclusione della manifestazione #BlockBce. Intanto è arrivata la conferma del rilascio del manifestante fermato di nome Mario.

Ore 14:00

Il corteo è nel centro storico della città, ma le voci del rilascio del manifestante si sono rivelate false. Il ragazzo sarebbe ancora in stato di fermo da parte della polizia, che l’hanno arrestato mentre tentava di affiggere uno striscione sul muro che circondava il vertice Bce. La manifestazione, dicono gli organizzatori, andrà avanti fino a quando il manifestante non sarà liberato. Attualmente il corteo si trova in Via Foria.

10354169_10204716886029629_1528398184735882489_n

Ore 13:16

Rilasciato il manifestante fermato. Il corteo prosegue su Ponte della Sanità, verso il centro città.

Ore 13:12

Il corteo, dopo aver ripreso il cammino si sta spostando verso il centro, quando il corteo era fermo sono stati usati idranti, manganelli e lacrimogeni sul corteo, che però fino ad ora è rimasto pacifico. Confermata la voce del fermo di un ragazzo che aveva tentato di affiggere uno striscione.

10639577_539803866152387_6561822757146732697_n

Ore 12:46

Il corteo è ripartito, si incanala a capodimonte, vicino all’entrata della tangenziale di Napoli

Ore 12:35

Chiusa l’entrata della Tangenziale, è presente un elicottero che gira in alto per controllare la manifestazione e i blindati hanno fermato tutto. E’ stato trattenuto un manifestante dalla polizia, il corteo sarà fermo perché si aspetta il suo rilascio, pare sia stato fermato per aver srotolato uno striscione, non ci sono notizie chiare e sicure. Ma la tensione è alta, il corteo si trova in piena zona rossa. I poliziotti sono in assetto antisommossa.

10177981_10204716406217634_4421053374018090378_n

Ore 12:25

Anche la Lista Tsipras in piazza, parla Alessandro Fatigati, esponente del comitato napoletano: “Oggi siamo in piazza contro il governo Renzi e contro Juncker. L’ultimo voto in Europa ha dimostrato quanta poca democrazia ci sia nelle istituzioni europee. La scusa dei poteri forti è una scusa per attaccare noi, Renzi non ha avuto un mandato popolare. Oggi pomeriggio come l’Altra Europa con Tsipras terremo un contro convegno”

Ore 12:23

Il corteo spezzato si sta riunendo, le forze dell’ordine hanno accettato le richieste dei manifestanti dopo l’utilizzo dell’idrante per disperdere il corteo.

Ore 12:20

Manifestanti a terra in segno di pace, brucia la gola per i lacrimogeni, si prova a trattare con le forze dell’ordine: “Chiediamo alle forze dell’ordine di indietreggiare per far ricompattare il corteo, indietreggiate, per favore, avete spezzato il corteo, dobbiamo ricompattare il corteo”

Ore 12:14

Sale la tensione, primi lanci gli idranti dell’acqua contro i manifestanti che, però non stavano facendo nulla, scappati, c’è una prima carica

Ore 12:00

Il corteo arriva davanti all’ospedale Cto, va in scena una protesta contro il Governatore Caldoro, operatori sul tetto contro i tagli alla Sanità nella Regione Campania

10410904_404356606379103_4632321283397275549_n

Ore 11:40

Dal quartiere arrivano gli applausi nei confronti dei manifestanti, la città non si chiude nonostante il terrore diffuso dalla stampa e dalla questura, alcuni commercianti aprono le saracinesche. Sono in molti ad indossarele maschere di pulcinella.

10711022_404344793046951_1627230227269864057_n

Ore 11:21

Il corteo procede, i negozi sono tutti chiusi, dalla testa del corteo arriva l’intervento di un ragazzo di un centro sociale: “Riprendiamoci la dignità. Ci dobbiamo liberare dalla dittatura del capitale, dello sfruttamento. Solo uniti e in maniera organizzata si può vincere. Oggi sono in carcere tanti compagni che hanno detto no alla Val di Susa, a loro noi pensiamo tutti i giorni. Diciamo basta alla Banca Centrale Europea, noi li respingiamo. Invitiamo tutti a partecipare il 7 novembre alla mobilitazione a Bagnoli contro il Presidente del Consiglio Matteo Renzi”. Un altro intervento, poi, che testimonia la presenza di strutture provenienti anche da altre regioni: “Noi arriviamo da Roma. Da un altro territorio che si oppone alle logiche della BCE. Quei territori che resistono. Chiediamo reddito e continueremo a resistere nelle piazze fino ad arrivare allo sciopero generale del 14 Novembre”10696339_404344849713612_7529524115300778542_n

Ore 11:10

Prime bombe carta dal corteo, “vogliamo ribaltare il vertice, noi siamo penalizzati, siamo contrari al Jobs Act”, ciò che circola in maniera ufficiosa sarebbe l’intenzione di cercare di forzare la zona rossa

10613018_404337916380972_3841618217271796577_n

Ore 11:00

Il corteo ora si trova lungo la strada viale colli aminei, quasi vicino alla zona rossa. Ci sono tutti i negozi chiusi, tranne una salumeria, abbiamo sentito il proprietario che ci ha detto: “Io non capisco quale sia la paura tra i negozianti, noi qui dentro siamo assolutamente d’accordo con le ragioni della manifestazione e con questa protesta. Non capiamo perché gli altri abbiano chiuso, quale paura, la protesta è giusta e noi li sosteniamo”

Ore 10:42

Prime dichiarazioni da parte di uno studente medio, rappresentante d’istituto che preferisce restare anonimo: “Stiamo prendendo parte al Block Bce perché in questi anni di crisi c’è qualcuno che si è molto arricchito e molti si sono impoveriti. Noi non ci stiamo e oggi siamo scesi in piazza.” Il corteo è incanalato lungo via Saverio Gatto.

10703694_404329649715132_2104690739811863233_n

Ore 10:12

Continua ad arrivare gente all’uscita della metropolitana dei Colli Aminei. In piazza precari e molti studenti universitari e medi, molte le strutture che partecipano, dalle associazioni studentesche ai centri sociali. La situazione è molto tranquilla, ma si prevede un’affluenza molto alta.

 15791_404329563048474_4386008030581810591_n