In seguito alle denunce di decine di cittadini in merito all’incuranza del verde pubblico a Sant’Antimo, i ragazzi di Agorà hanno deciso di recarsi nella villa comunale “Diego Del Rio” per pulire la stessa. L’iniziativa arriva dopo la pulizia della villa adiacente alla stazione F.S. per la quale, per mesi, il consigliere Giuseppe Italia ha richiesto provvedimenti in consiglio comunale.

I ragazzi, radunatisi nella prima mattinata all’ingresso della villa comunale, si sono armati di buste della spazzatura, mazze chiodate, palette e scope per poi recarsi in villa per pulire la stessa. Appena i ragazzi sono entrati in villa, un piccolo esercito di bambini e di genitori si sono uniti ai volontari per pulire la villa comunale, per ridarle il vecchio splendore e riconsegnarla in condizioni decenti.

100x70_no-text

Finalmente qualcuno viene a pulire una villa – dice Maria, santantimese che era presente mentre si lavorava in villavisto che l’amministrazione comunale l’ha lasciata al proprio destino da anni. E’ una vergogna che non ci sia la minima manutenzione di un grande spazio pubblico, dove noi cittadini potremmo rilassarci. C’è un grande malcontento verso la politica, ma non possiamo che essere entusiasti per iniziative simili che guardano alla cittadinanza”.

Durante l’opera di pulizia, oltre al ritrovamento ‘fisiologico’ di cartacce, sono stati trovati numerosi rifiuti. Sono stati ritrovati tavole di truciolato, bottiglie di birra, preservativi usati, rifiuti edilizi e, addirittura, il copertone di una ruota. I ragazzi hanno raccolto tutto e l’hanno radunato all’uscita della villa, per permettere al servizio di raccolta rifiuti di smaltirli nel modo corretto.

Mentre i ragazzi pulivano la villa sono stati trovati anche alcuni danni alla struttura. Sono stati trovati alcuni punti del tappeto elastico, che evita ai bambini che cadono di farsi male, non coperti e con asfalto in superficie. Sono state trovate anche alcuni tombini non correttamente coperti, che, come raccontano alcuni utenti della villa, hanno già portato alcuni bambini a cadere e farsi male. Nella villa vi è una casetta, che dovrebbe essere il ‘rifugio’ del custode, dove ci sono solo rifiuti ed escrementi umani, che provocano cattivi odori e miasmi. E’ stata anche ripulita la vecchia vaschetta dei pesci, ormai senza acqua e piena di immondizia, che un tempo era una vera attrazione per i bambini in villa.

La pulizia della villa – spiega il consigliere Italia – è stata la risposta all’enorme inefficienza dell’amministrazione. E’ inammissibile avere un tale gioiello e non saperne avere cura. Abbiamo deciso di lanciare un segnale forte e con grande soddisfazione dobbiamo sottolineare che c’è stata moltissima partecipazione popolare. L’adesione spontanea è stata il migliore ringraziamento che potessimo ottenere dalla cittadinanza, e soprattutto il grande simbolo di una speranza per questa città”.

[Best_Wordpress_Gallery id=”20″ gal_title=”Articolo Agorà”]

Francesco Di Matteo