NAPOLI – Luigi De Magistris, sindaco di Napoli sospeso, è stato denunciato alla Procura dall’ex parlamentare del Pdl, Amedeo Laboccetta.

L’attuale vicecoordinatore di Forza Italia in Campania ha reso noto infatti di aver inviato un esposto in Procura nei confronti di De Magistris per chiedere di verificare se quest’ultimo continui ad usare l’auto di servizio e il cellulare comunale, nonostante la sua recente sospensione dalla funzione di sindaco. “È importante anche venire a conoscenza – dichiara Laboccetta – se il Prefetto gli ha revocato o meno la tutela assicuratagli dalla polizia di stato e municipale, relativa all’ incarico di sindaco”. L’ex parlamentare pidiellino lancia nuove ombre sul sindaco sospeso, affermando anche che De Magistris, nonostante la sospensione, continua ad esercitare tutte le sue funzioni in Municipio.

Intanto De Magistris torna a parlare e lo fa senza usare mezze misure: “Sono un uomo che ha il coraggio di dire la verità, senza imbarazzo. Parlerò ai giovani e racconterò tutta la verità”. Il numero uno, sospeso, di Palazzo San Giacomo, prosegue poi parlando dell’avviso di garanzia ricevuto dalla Procura sulla Coppa America: “Rifarei tutto quello che ho fatto. Mi sono limitato semplicemente a firmare la candidatura”. Sulla richiesta avanzata da Caldoro circa un patto per la città, De Magistris dice: ‘”Non c’è bisogno oggi di un patto per la città con Stefano Caldoro; noi il patto lo facciamo con la città e i cittadini”.

Intanto il clima in città si infiamma, con i sindacati che ieri sono scesi in strada per un confronto aperto con i lavoratori del settore pubblico. Da Cgil, Cisl e Uil arriva anche una bocciatura netta per l’amministrazione De Magistris :”Questa città, deve voltare pagina” – questo il commento dei sindacati. Anche da Ignazio Messina, segretario nazionale dell’Italia dei Valori, partito che ha sostenuto De Magistris sia alle elezioni europee del 2009 sia a quelle comunali del 2011, arriva la richiesta di dimissioni del primo cittadino, sospeso, di Napoli.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteAssisi: per Renzi prima il Lavoro
Articolo successivoGli italiani preferiscono la politica ai sindacati
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II