Questa mattina in occasione del Mondiale di Formula1, il pilota Jules Bianchi è stato protagonista di un gravissimo incidente al Gran Premio di Suzuka. Al 46° giro di pista il pilota francese della scuderia Marussia centra un mezzo di soccorso (una gru che stava recuperando l’auto di Sutil, uscita precedentemente per un altro incidente) e dopo l’impatto viene ritrovato nel proprio abitacolo privo di sensi.

Il GP era già iniziato con condizioni precarie di sicurezza, infatti la pioggia battente ha reso obbligatoria la presenza della safety car sin da inizio gara, ma nonostante il consequenziale limite di velocità, il GP è stato interrotto varie volte a causa delle impraticabili condizioni meteo; solo dopo il gravissimo incidente i commissari decidono di interromperlo definitivamente. A differenza di Sutil, uscito indenne dalla propria monoposto, Bianchi (pilota allevato alla Ferrari Academy) viene ricoverato al centro medico e di qui trasportato in ambulanza in ospedale e non in elicottero, visto che le condizioni meteorologiche avrebbero impedito a quest’ultimo di alzarsi in volo.

5 Ottobre 2014

10: 34 – L’unico testimone dell’incidente è proprio Sutil, il quale ha dichiarato alla stampa presente: “Ho perso il controllo dell’auto per l’acquaplanning, stava calando l’oscurità. L’incidente di Bianchi? Per rispetto della sua vita, non voglio commentare niente, gli auguro tutto il meglio in questo momento. Credo che l’unica da fare sia la sua vita. E’ andato contro la gru? Voglio rispettare quanto sia successo”.

10:55 – Rosberg:  “Ho ricevuto informazioni ma non voglio fornire dettagli. La cosa è molto molto seria”.

11:29 – Successivamente Felipe Massa replica ai microfoni di Sky: “Non si doveva correre, continuavo a ripeterlo. Non si vedeva nulla”.

11:41 – Anche Sportmediaset rende pubbliche le sue accuse indirizzate alla direzione di gara, colpevole di aver mandato in pista la safety car con troppo ritardo dopo l’incidente di Sutil. Di seguito il comunicato: “La direzione gara di Suzuka è finita sotto accusa per l’incidente di Bianchi. Nessuno, infatti, ha pensato di mandare in pista la safety-car dopo l’uscita di Sutil in una zona pericolosa e la presenza in pista di una gru. Oltretutto dalle immagini tv si vede che i commissari continuano a sventolare la bandiera verde anche con le due monoposto ferme”.

12:20 – Su Twitter continuano ad arrivare i tweet ufficiali dei piloti e delle scuderie presenti al GP di Suzuka, ma al momento l’unico canale che è in completo silenzio, è proprio quello della FIA (International Automobile Federation).

12:27 – Jules Bianchi è in stato di coma. L’unico dato positivo è che dopo l’impatto non ha mai smesso di respirare. Questo è quanto afferma Luca Budel di Sportmediaset.

12:54 – Di seguito le parole del padre di Bianchi alla tv francese: Stanno operando Jules, ma è in condizioni critiche“.

13:34 – Arriva finalmente anche il comunicato ufficiale della FIA: Bianchi ha subito gravi ferite alla testa. Dopo l’intervento sarà trasferito in terapia intensiva“.

13:53 – Felipe Massa in merito all’incidente di Bianchi: “In questo momento prego per lui. La gara doveva finire prima“.

14:13 – Sta circolando in rete una scansione del documento ufficiale che la FIA ha diramato per spiegare le circostante dell’incidente in cui è stato coinvolto il pilota Jules Bianchi. La nota è firmata da Matteo Bonciani (responsabile della comunicazione): “Al giro 42 Adrian Sutil ha perso il controllo della propria automobile, si è girato ed ha colpito le barriere alla curva 7. I commissari hanno esposto una doppia bandiera gialla per avvertire i piloti del pericolo. Un veicolo di soccorso è stato mandato in pista, con l’obiettivo di alzare la monoposto e condurla verso un luogo sicuro dietro il guard rail. Proprio in questo momento Bianchi è andato fuori pista ed ha colpito il posteriore del trattore”. matteo-bonciani-document-bianchi-crash

14:27 – Di seguito l’immagine che chiarifica le conseguenze dell’impatto sulla Marussia MR03 del pilota francese: l’abitacolo non ha subito  grossi danni nella sezione anteriore, mentre invece il roll bar sembra essere del tutto collassato. BzLF5TiIAAEnX9A

14:50 – L’impressionante foto della monoposto di Bianchi dopo l’impatto:jules-bianchi-crash

14:59 – Gli inquirenti hanno sequestrato il mezzo di soccorso e la monoposto di Bianchi per le dovute indagini.

15:31 – Ecco la foto delle condizioni meteo pre-gara che evidenziavano una nube temporalesca di grande entità: 10620611_676678115772888_7672717729008340239_n

15:50 – Bianchi è stato trasferito al reparto di terapia intensiva dopo che i medici hanno terminato il primo intervento per ridurre l’ematoma al cervello. Il pilota francese è stato operato all’ospedale universitario di Mie, a circa una trentina di chilometri di distanza dal circuito di Suzuka. Lo conferma Luca Budel di Sportmediaset.

18:19 – Trapelano in rete notizie infondate sulla presunta morte di Jules Bianchi. Per ora ancora nulla di ufficiale.

19:41 – La prima operazione chirurgica è andata a buon fine, ma l’ematoma cerebrale non è stato riassorbito completamente.

20:15 – Dalla TAC risulta che il pilota francese ha riportato a seguito dell’impatto, anche innumerevoli lesione interne nella zona della cassa toracica.

22: 40 – Nelle prossime ore Bianchi potrebbe essere sottoposto ad una secondo intervento, per il riassorbimento completo dell’ematoma al cervello. E’ quanto afferma Ettore Giovannelli alla Domenica Sportiva di Rai2.

6 Ottobre 2014

10:37 – La scuderia Marussia diffonde il seguente comunicato: “Dopo l’incidente che ha coinvolto Jules Bianchi nel corso del Gran Premio del Giappone al Suzuka Circuit, la Marussia F1 Team desidera ringraziare per il grande sostegno e l’affetto dimostrato verso Jules e la squadra in questo momento molto difficile. Per quanto riguarda la comunicazione di informazioni riguardanti lo stato di salute di Jules, rispetteremo e saremo guidati dai desideri della famiglia Bianchi. Pertanto, chiediamo pazienza e comprensione per quanto riguarda ulteriori aggiornamenti medici, che saranno comunicati in collaborazione con il Medical Center di Mie Generale a Yokkaichi, dove Jules viene trattato. I rappresentanti della Marussia F1 Team e Scuderia Ferrari rimarranno in ospedale per sostenere Jules e la famiglia Bianchi”.

10:39 –  Il professor Gérard Saillant (luminare della chirurgia francese) fondatore dell’Istituto per il cervello e il midollo spinale, è in volo verso il Giappone insieme ai familiari di Jules Bianchi. E’ quanto scrive il quotidiano francese Nice Matin, il quale ricorda anche che il professor Saillant è stato già interpellato in passato dopo l’incidente a Michael Schumacher.

11:01 – La famiglia di Bianchi è atterrata all’aeroporto di Osaka e in questo momento si sta spostando verso l’ospedale di Yokkaichi.

13:35 – I genitori di Jules Bianchi sono arrivati all’ospedale di Yokkaichi e domani avranno il primo consulto con i dottori che si stanno occupando del pilota francese. Questo è quanto ha dichiarato il portavoce della Fia.

17:27 – Marco Mattiacci (team principal della Ferrari) si è recato all’ospedale universitario di Yokkaichi per visionare le condizioni di Jule Bianchi. Il pilota transalpino infatti ha frequentato l’accademia del Cavallino.

17:43 – Le condizioni di Jules Bianchi restano critiche ma stabili. Il pilota francese riesce a respirare autonomamente senza l’ausilio di macchinari. La direzione dell’ospedale comunica che non rilascerà ai mezzi d’informazione alcun bollettino medico, senza consenso dei familiari del pilota.

18:02 – Camille Marchetti, fidanzata di Bianchi, scrive sul suo profilo Twitter: “Tu sei il mio campione. Tu sei il più forte” ed ha accompagnato il suo messaggio con un cuore e delle mani giunte in preghiera. Non rilascia dichiarazioni alla stampa essendo d’accordo con la famiglia del pilota, nel non permettere un’eccessiva intrusione di media e giornalisti in una questione così delicata.

19:10 – La famiglia di Bianchi sceglie di non divulgare alla stampa informazioni a riguardo le condizioni di salute del pilota, che è sempre al reparto di terapia intensiva del Mie General Hospital di Yokkaichi.

20:18 – Non si hanno ancora notizie ufficiali a riguardo del primo bollettino medico post secondo intervento.

7 Ottobre 2014

08:10 – Restano top secret le condizioni di vita di Jules Bianchi. La direzione del Mie General Hospital ha scritto un comunicato con cui si vieta l’intrusione dei media e della stampa all’interno dei locali ospedalieri, al fine di reperire informazioni su Bianchi.

09:42 – Gli organi preposti del mondo dell’automobilismo potrebbero riunirsi a breve per formalizzare un esposto di accusa nei confronti della FIA per: “…non aver interrotto la gara sin da subito, mettendo a rischio la sicurezza e l’incolumità dei piloti”.

10:57 – Gli uomini della Ferrari lasciano il Mie General Hospital e partono per Soči (prossima tappa del Mondiale di Formula1). I familiari di Bianchi aggiorneranno costantemente gli uomini in rosso sulle condizioni di vita di Bianchi.

12:04 – Gli uomini della Marussia F1 Team lasciano l’ospedale di Yokkaichi per dirigersi presso l’aeroporto di Osaka, dove li attende un volo per la Russia in vista del Gran Premio di Soči di questo week end.

15:20 – In un comunicato ufficiale, la famiglia di Jules Bianchi in accordo con i medici che lo hanno in cura, ha annunciato che il pilota francese ha subito un danno assonale diffuso, ovvero un:“Diffuse Axonal Injury (DAI)”.

20:32 – Il DAI subito da Bianchi (danno della scatola cranica post-traumatico molto frequente in caso di incidenti con forte decelerazione in un breve lasso di tempo) è del massimo grado di gravità, ma non ha causato ulteriori danni alla zona cranica.

8 Ottobre 2014

16:54 – Bernie Ecclestone dichiara che l’incidente di Bianchi: E’ stata solo questione di sfortuna. Se avessi saputo con precisione quando ci sarebbe stata la tempesta a Suzuka sarebbe stato più facile. Non lo sapeva Nessuno. Secondo le previsioni meteo le condizioni sarebbero potute essere anche peggiori”.

19:30 – La Fia annuncia ufficialmente di aver già avviato un’indagine sull’incidente di Bianchi, che sarà condotta dal Direttore di Gara del GP di Suzuka Charlie Whitining ed il Capo del Dipartimento Tecnico della Formula 1.

Nell’attesa di altri aggiornamenti, possiamo solo sperare che le gravissime condizioni di vita di Jules Bianchi migliorino.

Leggi anche: “Bianchi, se sopravvive, resterà paralizzato”

Fonte virgolettati: repubblica.it / Sportmediaset

Fonte immagini media: google.com / motorsport.com

Fonte immagine in evidenza: corriere.it

Fabio Palliola