Cinema d’autore gratuito ad Oltremare, uno degli eventi più famosi del Forum Universale delle Culture, si è svolto a Napoli in questi giorni.

Doppio sogno, il mare al cinema, è stata una rassegna cinematografica durante la quale c’è stata la proiezione di 16 film d’autore al Palacongressi della Mostra d’Oltremare Sala Ischia dal 22 Settembre fino al 5 Ottobre.

Quando la cultura bussa alla tua porta approfittane! Tutti gli eventi del Forum sono stati ad ingresso libero fino ad esaurimento posti ed è davvero un peccato che eventi simili non siano riusciti a riscuotere molto successo nell’iter campano. Sarà stato dunque a causa della disinformazione?

La Provincia di Napoli più volte ha incentivato la creazione di spazi interattivi a scopi culturali e il risultato al termine di queste attività sembra essere sempre molto effimero. I pochi partecipanti durante il mese cinematografico hanno apprezzato molto gli spettacoli e l’organizzazione poiché tutto è stato coinciso rispettando la programmazione prestabilita.

Per l’ingresso alla Mostra d’Oltremare è stato previsto il costo di un solo biglietto di 1 euro grazie al quale si poteva assistere ai continui spettacoli e cortometraggi messi in scena da compagnie teatrali emergenti.

Un’iniziativa atta a sponsorizzare ed incoraggiare l’amore per il teatro e la cinematografia permettendo a tutti di partecipare liberamente. Quante volte avete rinunciato ai piaceri del teatro a causa dei prezzi eccessivamente alti?

Doppio Sogno è stata una rassegna di cinema d’autore gratuito a cura di Il Teatro Soc. Coop. A.r.l.. Nella rassegna si sono svolti incontri e dibattiti e in occasione dell’ultimo giorno di proiezione uno spazio speciale è stato dedicato ai corti di giovani cineasti. Le tematiche degli spettacoli trattavano la multiculturalità e il rispetto delle diversità.

Tra i corti più gettonati ritroviamo Il mondo perduto di Vittorio De Seta  (1954-1959 – Dur. totale 120’ – Italia)  a seguire: Mar promiscuo , Enrico Iannaccone –Carosello, Gianni Circelli – Washing sun, Salvatore De Chiara Spay game,  Salvatore De Chiara – La fabbrica che viene, Mario Gaspare Compostella – Isola di fuoco (Dur. 11’ – 1954) – Pasqua in Sicilia (Dur. 11’ – 1955) – Contadini del mare (Dur. 10’ – 1955) – Parabola d’oro (Dur. 10’ – 1955) – I dimenticati (Dur. 20’ -1959)

Ringraziamo i promotori di questa bella iniziativa nella speranza che ce ne possano essere tante altre magari con maggiore partecipazione poichè, nonostante l’era della tecnologia avanzi sempre più, nulla potrà mai sostituire la bellezza del teatro.

Sabrina Mautone

CONDIVIDI
Articolo precedenteMessico: scoperte sei fosse comuni, si teme siano studenti
Articolo successivoTrent’anni dopo Ritorno al futuro diventa un musical

Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Laureata in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II e laureanda presso l’Università Statale di Milano in Lingue moderne per la comunicazione e cooperazione internazionale. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.