Federico Pizzarotti non è più persona gradita all’interno del Movimento 5 Stelle, alla Kermesse del Circo Massimo sarà presente, ma gli è stato negato il palco. Niente da fare quindi, per Pizzarotti non è giunta la benedizione del Kapo, per il Sindaco di Parma la scalinata che porta al palco è off limits, lo conferma il responsabile comunicazione dei Cinque Stelle, l’ex GF Rocco Casalino. Nella scaletta sono previsti molti interventi tra parlamentari e amministratori, ma non quello di Pizzarotti, che, negli ultimi mesi è in contrasto con la prima linea grillina.

Qualche giorno fa aveva chiesto a chi si occupa dell’organizzazione dell’evento (il cui nome è sconosciuto ai più..) di trasformarlo in un’occasione “per fare da collante rispetto allo scollamento tra base e territorio”. Una bordata contro la dirigenza, ma il primo cittadino di Parma ha poi aggiunto: “Auspico che non sia un momento da sfruttare a livello mediatico, piuttosto occasione di dibattito. No a passerele, perché non avrebbero utilità, piuttosto usiamo la ‘tre giorni’ al Circo Massimo per ricompattare le fila”.  Ha poi detto che sta lavorando ad “un gazebo per raccontare quello che facciamo a Parma”. Un avviso a chi gestisce l’evento: non si renda la kermesse una manifestazione di facce belle e pochi contenuti.

Si sa, per il Movimento 5 Stelle non esistono i congressi, sono troppo vecchio stile e da partiti del ‘900. Grillo usa questa retorica per evitare di esporsi politicamente sulla struttura piramidale del sup personale giocattolo e, perciò, si faccia una bella festa. La scaletta, comunque, è già prevista ed è un programma serratissimo, venerdì il palco sarà tutto di Beppe, ma sabato e domenica potranno parlare anche gli altri, ci mancherebbe.

Invitati ad esporre la propria oratoria anche i neo sindaci del Movimento presso Bagheria e Livorno, quasi a marcare una distanza ancora più forte da Pizzarotti, il quale però ha scritto su Facebook: “Non è importante chi c’è o non c’è sul palco, ma le idee che si esprimono e le relazioni che si creano. Non ho chiesto di salire, lascio come sempre le valutazioni a chi organizza, rimanendo a disposizione. Ci sarà il gazebo di Parma al nostro evento, e io sarò lì, tra la gente, come ho sempre fatto e come continuerò a fare. Domani sarò alla Camera dei Deputati per parlare della rivoluzione copernicana che stiamo apportando al Welfare di Parma. Il Paese non ha bisogno solo di persone, ma soprattutto di idee”.

Dopo una fuga di notizie, il primo cittadino parmense aveva inviato un messaggio proprio a Grillo, che non ha dato riscontro così dicono le fonti de Il Fatto Quotidiano, al quale Pizzarotti ha risposto: “Sono falsià, non ho mai scritto il messaggio che Il Fatto mi attribuisce, oppure lo dimostrino”. Gli esclusi, però, potrebbero ricompattarsi e far scattare la polemica interna. Alcune indiscrezioni raccontano di parlamentari di pessimo umore perché sarebbero irritati per essere stati fatti fuori dal “giro della tv”. Gli stessi, ora, per la kermesse al Circo Massimo reclamano il loro spazio sul palco.

Intanto la prima linea grillina ha fatto pulizia, domenica mattina, al Circo Massimo. Mani in pasta e nella polvere, con una scopa e il rastrello. Chissà se avranno fatto pulizia così come fanno con i dissidenti interni.

Luca Mullanu

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Napoli, presidio delle sentinelle in piedi e contromanifestazione: No SENTINEL
Articolo successivoSerie A: Juve in fuga, Inter in crisi
Lavoratore precario nel settore del turismo, appassionato di politica sin dalla nascita. Fondatore e ideatore di Libero Pensiero online, insieme ad Emanuele Tanzilli. Cuore a sinistra, contribuisce alla crescita della FGCI, di cui era anche Segretario Provinciale di Napoli. Attualmente senza casa politica, come tanti e tante di sinistra che non si riconoscono più in nessun soggetto organizzato. Un libero pensatore: scrive praticamente da sempre. Da ragazzo, come tantissimi altri, avvertiva il peso delle ingiustizie della società: voleva cambiare il mondo e ha cominciato ad impegnarsi durante i primi anni di Liceo. Ha sempre odiato le ingiustizie, tanto quanto i suoi compagni di viaggio. Non ama i dogmi, ma lo anima la voglia di discutere.