Sempre più spesso, soprattutto nel mondo calcistico partenopeo, si parla del fantomatico bilancio della Società Sportiva Calcio Napoli e della politica imprenditoriale di Aurelio De Laurentiis. In poco più di 10 anni di gestione ADL, quali sono stati i risultati? Quello del Napoli è un modello vincente? Di seguito tutti i dati con relativa disamina. Tali dati hanno valore puramente indicativo ed è da specificare che, le fonti transfermarkt e calcioefinanza potrebbero riportare cifre diverse rispetto a quelle dei bilanci ufficiali della S.S.C.Napoli.

BILANCIO TOTALE S.S.C.NAPOLI

  • Ricavi totali: 776 milioni di euro                                                                                           Nello specifico: il 47% dei ricavi, ovvero oltre 364 milioni di euro proviene dai diritti tv, di cui i proventi degli eventi in pay-per-view e gli abbonamenti a piattaforme sportive di Mediaset Premium o Sky. Il restante 53% dei ricavi, ovvero oltre 411 milioni di euro, proviene dai diritti d’immagine dei calciatori, dai biglietti/abbonamento per le partite casalinghe del San Paolo, dai contratti di sponsorizzazione, dai premi Uefa per le competizioni europee, dal brand S.S.C.N. e dalle plusvalenze delle cessioni.
  • Numero calciatori acquistati: 165                                                                                           Con una media ingaggi di 1,56 milioni di euro per calciatore ed una media di cartellino di 1,38 milioni di euro per calciatore, quindi con una tendenza calcistica fisiologica ad avere il monte ingaggi superiore ai costi di cartellino dei giocatori; in questo caso di circa l’11,5%.
  • Costo totale cartellini: 229 milioni di euro                                                                                  Tra cui spiccano gli acquisti di: Higuain 37 mln (più 3 mln di bonus), Quagliarella 18 mln (più 2 mln di bonus), Inler 17 mln (più 0,5 mln di bonus), Cavani 17 mln, Vargas 13,5 mln.
  • Perdite per acquisti flop: 74 milioni di euro                                                                                 A causa di scelte sbagliate (soprattutto relative agli anni in cui il D.S. era Pierpaolo Marino) e di giovani scommesse mai esplose nel calcio italiano, delle casse del Napoli è stato sprecato oltre il  9,5% dei ricavi totali, che allo stato attuale corrispondono a circa 4 anni di investimenti societari se considera un impegno economico annuale extra proventi di circa 20 milioni di euro da parte di ADL. Tra gli acquisti flop più costosi ricordiamo Vargas 13,5 mln, Cigarini 10,5 mln, Datolo 6,8 mln, Hoffer 5,5 mln.
  • Ingaggi calciatori: 259 milioni di euro                                                                                            Si è partititi dalla promozione in SerieA con un tetto salariale di 1 milione di euro e monte totale di 19 milioni di euro, fino a raggiungere i 6 milioni di tetto salariale attuali con un monte ingaggi di oltre 74 milioni di euro. In 10 anni c’è stato un incremento di 500% sul tetto salariale e del 300% sul monte ingaggi.
  • Calciatori valorizzati: Hamsik, Lavezzi, Zuniga, Cavani                                                         Le plusvalenze sono state: Cavani 43 mln (acquistato dal Palermo per 17 mln e venduto al PSG per circa 60 mln), Lavezzi (acquistato dal San Lorenzo per 6 mln e vendulo al PSG per circa 30 mln). Le ipotetiche plusvalenze potrebbero essere Zuniga 10,2 mln (acquistato dal Siena per 1,8 mln, ipotesi di cessione per circa 12 mln), Hamsik 29,5 mln (acquistato dal Brescia per 5,5 mln, ipotesi di cessione per circa 35 mln).
  • Numero allenatori: 5                                                                                                                  Nello specifico con stipendio annuo di: Ventura circa 0,2 mln, Reja da 0,3 mln a circa 1 mln, Donadoni circa 1,2 mln, Mazzarri da 2,2 mln a circa 3 mln, Benitez 3,5 mln
  • Ingaggi allenatori: 30 milioni                                                                                                        Con un aumento del tetto salariale relativo agli allenatori di circa il 1700% a partire da 0,2 mln fino a raggiungere gli attuali 3,5 mln.
  • Titoli vinti: 2 Coppa Italia                                                                                                      Nelle stagione 2011-2012 con allenatore Walter Mazzarri e nel 2013-2014 con allenatore Rafael Benitez.
  • Partecipazioni competizioni nazionali/internazionali: 19                                                               Nello specifico: 2 campionati di SerieC, 1 campionato di SerieB, 8 campionati di SerieA, 2 finali di Supercoppa italiana, 2 Champions League, 3 Europa League, 1 Intertoto-Coppa Uefa

 BILANCIO S.S.C.NAPOLI STAGIONE IN CORSO

  • Valore attuale della rosa: 250 milioni di euro                                                                         Nello specifico: Higuain 40 mln, Hamsik 35 mln, Mertens 20 mln, Callejon 20 mln, Insigne 15 mln, Albiol 12 mln, Inler 12 mln, Jorginho 12 mln, Zuniga 11 mln, De Guzman 10 mln, Michu 9 mln, Ghoulam 7 mln, Zapata 6,5 mln, Koulibaly 6,5 mln, Gargano 5 mln, Henrique 5 mln, Britos 5 mln, Lopez 5 mln, Rafael 4 mln, Maggio 3 mln, Andujar 3 mln, Radosevic 2,2 mln, Mesto 1 mln, Rosati 0,8 mln,  Colombo 0,05 mln
  • Ingaggi attuali: 72 milioni di euro lordi annuali                                                                           Nello specifico: 36,7 milioni di euro netti annuali ripartiti tra: Higuain 5,5 mln, Hamsik 3 mln, Zuniga 3 mln, Callejon 2,6 mln, Albiol 2,1 mln, Gargano 1,7 mln, Michu 1,6 mln, Inler 1,4 mln, De Guzman 1,4 mln, Maggio 1,2 mln, Rafael 1,2 mln, Mertens 1,2 mln, Lopez 1,2 mln, Insigne 1 mln, Henrique 1 mln, Britos 0,9 mln, Ghoulam 0,8 mln, Koulibaly 0,8 mln, Andujar 0,8 mln, Jorginho 0,75 mln, Mesto 0,7 mln, Zapata 0,6 mln, Rosati 0,4 mln, Radosevic 0,3 mln, Colombo 0,1 mln ed oltre 1,45 mln tra settori giovanili e staff delle infrastrutture.

In base ai dati statistici succitati che, ricordiamo ancora una volta, hanno valore puramente indicativo e fonti: transfermarkt calcioefinanza, la capacità d’investimento del club Napoli, in assenza di plusvalenze, o di una crescita dei diritti tv, o di una qualificazione in Champions League, oggi è pari a poco più di 20 milioni di euro per anno. Cifra che non è certamente sufficiente per acquistare e pagare i cosiddetti top player. La Politica di ADL in poco più di 10 anni, ha permesso al Napoli di risalire dalle macerie del Tribunale Fallimentare (con l’allora Napoli Soccer) sino alla Serie A, in cui si conferma essere una squadra ai vertici solida, sia dal punto di vista economico che finanziario. I trofei vinti sono stati soltanto 2 titoli nazionali (2 Coppa Italia), e questo è indicativo del fatto che, voler essere vincenti e vincere sono due cose completamente diverse. I calciatori valorizzati sono stati solo 4: molto pochi a fronte dei 165 totali che sono stati acquistati.

Statisticamente, la politica del Napoli di Aurelio De Laurentiis è vincente dal punto di vista economico/finanziario (vincente a livello imprenditoriale, se si tiene conto di quella che è la forza economica di ADL) soprattutto per quanto concerne il bilancio, ma lo è molto di meno, ammesso per assurdo che dei numeri statistici possano influire sui risultati sportivi, se si considerano i trofei vinti sul campo (meno vincente dal punto di vista calcistico).

(leggi anche Napoli fermo al casello del calciomercato)

Fonti statistiche: transfermarkt.com / calcioefinanza.it

Fabio Palliola