Quanto è contagiosa l’ebola?

L’Organizzazione mondiale della salute ha stimato che il virus ha ucciso più del 70% delle persone infettate nell’Africa dell’Ovest. Il centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha affermato che il caso di Ebola di Dallas è il primo diagnosticato fuori dall’Africa. E il sistema sanitario del Texas non ha messo subito l’uomo in quarantena. Era malato di ebola – e contagioso – ed è stato ricoverato quattro giorni dopo. Tuttavia, nonostante il passo falso iniziale,  i funzionari della sanità hanno risposto al caso di Dallas in modo adeguato.

“Non ho dubbi che dovremo controllare questa importazione, o caso, di Ebola per impedire che si diffonda ampiamente in questa mazione” ha detto il dottor Frieden del CDC (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie), ma perché Frieden è sicuro che il virus non si diffonderà aldilà di una manciata di casi?

La questione si riduce ad una cosa chiamata R0. La riproduzione del numero o “Rzero”, è un termine matematico che dice quanto contagiosa sia una malattia. Precisamente è il numero di persone che contrae la malattia da una sola persona in media in un focolaio.

Si prenda per esempio il morbillo: Il virus è uno dei più contagiosi che l’uomo conosca. L’R0 si aggira attorno ai 18, quindi questo significa che una persona con il morbillo contagia 18 persone in media quando nessuno è vaccinato. Dall’altra parte dello spettro ci sono virus come l’HIV e l’Epatite C. Il loro R0 tende a cadere tra il 2 e il 4. Sono ancora un grande problema, ma a differenza del morbillo si diffondono meno.

E questo ci riporta all’Ebola. Nonostante la cattiva reputazione, l’R0 del virus non è così impressionante, infatti si aggira attorno 1.5 o al 2. Anche in Africa dove il virus è fuori controllo, ogni persona che ha contratto l’Ebola ha contagiato circa due persone in media.

Perché questo? Molti fattori contribuiscono all’R0, come da quanto si è malati a quanti virus particolari si necessita per far ammalare altre persone. Ma nel caso dell’Ebola il modo di trasmissione aiuta a mantenere l’R0 basso. L’ebola non si contrae per via aerea come il morbillo o l’influenza, c’è bisogno di uno stretto contatto con liquidi corporei, come vomito o sangue, per contrarre il virus.

L’R0 di due significa che una persona infetta due persone, che infettano a loro volta quattro persone, poi otto, poi sedici, poi trentadue ecc… con un numero che tenderà a crescere. Ma questo non accadrà mai in un luogo con un buon sistema di salute pubblica come gli Stati Uniti. Perché? Perché le persone con l’ebola non sono contagiose fino a quando non mostrano i sintomi.

Quindi per fermare la catena di trasmissione, gli operatori sanitari del Texas dovrebbero contattare tutte le persone che sono state in contatto col malato in isolamento prima che questi mostrino i segni dell’Ebola. Poi i livelli di R0 scenderanno a zero e il Texas sarà libero dall’ebola.

Traduzione dell’articolo http://www.npr.org/blogs/health/2014/10/02/352983774/no-seriously-how-contagious-is-ebola?utm_medium=RSS&utm_campaign=science ad opera di Maria Stella Rossi e Fabio Scala