L’Assessorato alla Cultura e al Turismo informa che il Comune è riuscito a sbloccare, dopo quattro anni di attesa, l’acquisto di duecentomila Euro di nuovi libri per le biblioteche.
La somma è stata assegnata alle dieci biblioteche comunali ed al Servizio che le coordina, che nei prossimi giorni riceveranno gli elementi utili per attivare la spesa e farla gravare su un mutuo già concesso della Cassa Depositi e Prestiti.
La fornitura libraria era stata progettata ed aggiudicata, con finanziamento della Cassa, nel lontano 2010 e poi bloccata a causa di una legge intervenuta successivamente all’aggiudicazione della gara per l’acquisto, che limitava gli sconti sui libri, anche quando ad acquistarli fossero biblioteche pubbliche. La normativa (“legge Levi”) fu poi abrogata per iniziativa del Ministro Bray ma intanto aveva prodotto a Napoli la conseguenza perversa di rendere impossibile l’acquisto di libri gia praticamente in corso.
Le biblioteche comunali di Napoli, distribuite su tutto il territorio cittadino e con almeno una sede in ogni municipalità, sono aperte tutti i giorni feriali per la lettura, la consultazione e il prestito e dispongono di un ingente catalogo di titoli (consultabile anche online dal sito web del Comune www.comune.napoli.it – sezione “Cultura”) che potrà essere arricchito ed aggiornato con i fondi finalmente disponibili.
“La cultura – ha dichiarato l’Assessore Nino Danieleè motore di inclusione sociale e condizione di una cittadinanza libera e critica, la diffusione del libro e la lettura ne sono strumenti imprescindibili. Per questo lavoriamo per rafforzare, coordinare e riorganizzare il sistema delle biblioteche comunali, acquistiamo libri e gli altri supporti necessari, promuoviamo, in collaborazione con i librai e gli editori napoletani, iniziative volte ad incentivare la lettura. Segnalo che dalla seconda metà di novembre partirà un programma per NAPOLI CITTA’ DEL LIBRO, che durerà per tutto il 2015, con molte iniziative innovative”

Redazione