NAPOLI –  80mila studenti in tutta Italia sono scesi ieri in piazza in 60 città italiane per protestare contro il piano di 136 pagine della “Buona Scuola” presentato dal premier Renzi e dal ministro dell’Istruzione Giannini.
A Napoli sono partiti due cortei: uno da Piazza Garibaldi, organizzato dall’Unione degli Studenti, l’altro da piazza Del Gesù, animato dalle strutture dei movimenti autonomi ed autorganizzati, al quale hanno preso parte anche i Cobas e i docenti precari del mondo della scuola.
A piazza Bovio, i due cortei si sono uniti ed hanno percorso via Marina, fino a giungere presso gli uffici dell’ex Provveditorato di via Ponte della Maddalena.
“Blockbuonascuola” è l’hashtag lanciato dagli studenti in corteo a Napoli tra cori, striscioni, petardi e traffico in tilt.
Nel mirino dei manifestanti la riforma Renzi e il Jobs Act come spiega Jamil Kaddura, coordinatore provinciale dell’Unione degli Studenti Napoli: ‘‘La “Buona Scuola” di Renzi classifica, crea competizione, agevola gli interessi delle imprese. L’istruzione deve essere gratuita ed accessibile a tutti. Oggi – conclude Kaddura diciamo a questo modello poco inclusivo, alle bocciature e al voto di condotta”.

Gli studenti contestano anche il fatto che la somma prevista dalla riforma ”Buona scuola” per l’edilizia scolastica, pari ad un miliardo di euro, non sia affatto sufficiente a mettere in sicurezza gli istituti.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedente“Siamo 4.000” ma è un flop a 5 stelle
Articolo successivoTartaglione: ”La rivoluzione arancione ha fallito”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II