NAPOLI – ”La nostra città vive un momento di grande difficoltà. La rivoluzione arancione ha fallito”. Parole del segretario regionale campano del Partito Democratico Assunta Tartaglione, la quale a margine dell’inaugurazione della nuova sede municipale di piazza Garibaldi non nasconde le difficoltà che la città sta attraversando.
‘Abbiamo solo 4 consiglieri comunali e al momento non c’è possibilità di porre fine a questa maggioranza.
Non dobbiamo commettere l’errore di farci cogliere impreparati all’appuntamento con le regionali ed è per questo – conclude la Tartaglioneche Sabato 18 Ottobre abbiamo convocato la Direzione regionale, la quale avrà il compito di dare il via al percorso e al regolamento per le primarie regionali”.

Soddisfazione per l’inaugurazione della sede municipale di piazza Garibaldi arriva dal segretario provinciale Venanzio Carpentieri: ‘‘Questo posto, dovrà diventare un luogo di riferimento per il territorio e la gente. Ho accolto la proposta in maniera positiva. I problemi di incomunicabilità tra i circoli, spesso si riflettono anche nelle istituzioni. Abbiamo l’assoluta esigenza – conclude Carpentieri di riorganizzare questo partito seguendo l’organizzazione amministrativa che deve necessariamente andare oltre i circoli”

La nuova sede municipale di piazza Garibaldi quindi unificherà le sezioni di Poggioreale, Vicaria e San Lorenzo.”L’inaugurazione della nuova sede municipale è un passo in avanti – dice Francesco Donzelli, consigliere della IV Municipalità, tra quelli che hanno fin da subito creduto all’iniziativa. Siamo l’unica Municipalità – prosegue Donzelli – ad avere realizzato il coordinamento municipale e questo ci rende orgogliosi. Il nostro territorio ha grandi potenzialità, per questo abbiamo deciso di superare ogni particolarisimo, investendo sull’unità e sulla compatezza del partitto territoriale. Da questo coordinamento partirà l’azione politica del PD per mandare a casa questo improponibile centrodestra e vincere nel 2016. Solo una municipalità a guida PD potrà rilanciare questo territorio” – conclude Donzelli.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteStudenti in piazza contro il piano Scuola di Renzi
Articolo successivoGrecia: Samaras ottiene la fiducia, Tsipras vuole elezioni anticipate
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II