Il temuto spettro sbandierato dai sindacati circa i tagli sulla scuola pubblica italiana è realtà ed è tutto contenuto nell’articolo 28 della bozza di legge di stabilità.
Ecco alcuni dei punti ‘critici’:

– Le scuole con reggenza non potranno più beneficiare dell’esonero o semiesonero dei docenti collaboratori del Preside.

– I Dirigenti Scolastici non potranno nominare supplenti per il primo giorno di assenza dei docenti e ci saranno restrizioni anche sulle supplenze del personale ATA.

– Riduzione di 2mila posti dell’organico ATA.

”L’intento dichiarato del Miur è quello di stabilizzare risorse finora oscillanti.
Dissotterrano l’ascia di guerra i sindacati secondo i quali le misure sulla scuola contenute nel ddl di stabilità “avranno come effetto immediato il peggioramento della qualità dell’offerta formativa e delle condizioni di lavoro” afferma il segretario generale della Flc-Cgil, Mimmo Pantaleo, che invita tutti a scendere in piazza il 25 ottobre.

Intanto gli studenti, in tutt’Italia, seguendo l’invito di Renzi si riuniranno nelle prossime settimane per discutere le proposte del Governo in materia di istruzione scolastica. Ad aprire le danze sarà la città di Napoli dove per martedì mattina è in programma un’assemblea organizzata dalla Consulta provinciale degli studenti di Napoli aperta a tutte le realtà studentesche. CLICCA QUI PER L’EVENTO
”La giornata – dice Gabriele Turco Presidente della Consulta degli studenti di Napoli –  sarà organizzata come un grande dibattito aperto ad ogni realtà studentesca napoletana, oltre che ai rappresentanti degli studenti eletti nella Consulta. Ognuno potrà dire la propria”.
Dato che in molte scuole si devono ancora svolgere le elezioni, tutti gli studenti interessati, anche i non eletti e quelli decaduti, come anche i candidati alla rappresentanza, saranno liberi di partecipare e riceveranno l’attestato di partecipazione valido come giustifica per l’assenza a scuola”.
Turco poi parlando del liceo Umberto e del crollo del soffitto dice:”Non c’è molto da dire, bisogna agire. Già da tempo gli studenti denunciano gravi disagi relativi all’edilizia scolastica, anche l’anno scorso Tin Napoli pubblicò foto sconcertanti sulla situazione dell’edificio. Evidentemente non è bastato. Adesso, chi ha il potere di intervenire deve intervenire. Non servono gli slogan e gli hashtag #scuolebelle e #scuolenuove, ci servono scuole che non ci cadano sulla testa mentre facciamo lezione”.

Un pensiero Turco poi lo riserva anche allo studente del Sannazzaro, aggredito sabato scorso da militanti di estrema destra:”Credo che il fascismo oggi sia il sintomo di un degrado culturale.Non molto tempo fa anche un rappresentante della Consulta è stato aggredito.
L’educazione al rispetto reciproco e alla memoria storica è qualcosa che deve partire dalle scuole, è qualcosa di logico, di fondamentale, ma che è passato in secondo piano. Sono vicino al ragazzo aggredito, so che potrebbe succedere anche a me in ogni momento. Quel ragazzo è stato aggredito per le sue idee, perché era sceso in piazza il giorno prima per una scuola e un futuro migliore, quel ragazzo è un eroe”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteModernità e antimodernità in Shakespeare
Articolo successivoConsulta, ennesima votazione a vuoto

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II