Giornata di coppa da incubo per le formazioni italiane: la Roma ne incassa sette dal Bayern Monaco dell’ex Benatia, come nel 2006-07 contro il Manchester United di Cristiano Ronaldo; la Juve viene beffata dall’Olympiakos, grazie alla rete di Kasami, vecchia conoscenza della Serie A, al Palermo nella stagione 2010-11; Inter e Napoli rimediano rispettivamente un pareggio a reti bianche ed una sconfitta, a causa di prestazioni forse condizionate dalle troppe pressioni esterne che circondano i due club. A fine gara le due formazioni si beccano un mare di fischi e critiche sempre più serrate.
Sorridono soltanto Fiorentina e Torino, nonostante le notevoli difficoltà, soprattutto per i toscani, incontrate in questo inizio di Serie A. I viola sono a pieno punteggio nel girone K di Europa League e finora mantengono la porta inviolata. Nel Torino si sblocca Amauri, a digiuno dallo scorso 18 maggio, in cui segnò una doppietta in Parma- Livorno.

Che siano vittorie o sconfitte, non importa: è già tempo di dimenticare e farsi trovare pronti per il prossimo turno di Serie A, l’ ottavo. Si inizia oggi pomeriggio, sabato 25 ottobre. Un sabato atipico, in cui gli anticipi saranno tre piuttosto che due, come di consueto.

ANTICIPO DELLE 15:00

Ad aprire le danze della Serie A, vi è Empoli- Cagliari, sfida importante in chiave salvezza. Si gioca al Castellani con arbitraggio del sig.Pairetto.
I padroni di casa di mister Sarri, si sono finora mostrati migliori dei sardi, ed avrebbero meritato qualche punto in più. Dopo un inizio difficile, con due sconfitte contro Udinese e Roma nelle prime due di Serie A, i toscani hanno guadagnato sette punti in cinque gare, senza mai più perdere.
I rossoblu di Zeman hanno risultati molto altalenanti e, nel complesso, stanno deludendo, a parte la vittoria esaltante contro l’ Inter per 1-4, ricca di gol ma povera di bel gioco.
Gara che si preannuncia un po’ spenta ed avida di emozioni. Non dispiacerebbe essere contraddetti !
Per i toscani, in attacco, pesa l’ assenza di Tavano. Confermato il tridente Verdi- Maccarone- Pucciarelli. Per il Cagliari ancora fuori capitan Conti.Tridente d’ attacco con Ibarbo-Sau-Cossu.

ANTICIPO DELLE 18:00

Allo stadio Tardini va di scena il derby d’ Emilia tra Parma e Sassuolo, formazioni finora più deludenti della Serie A, relegate rispettivamente in ultima e penultima posizione con tre e quattro punti. Anche questa, al momento, si preannuncia quindi come una sfida salvezza, nonostante le due squadre possano tranquillamente aspirare ad un campionato meno sofferto. A dirigere vi sarà Tagliavento.
Per i ducali assenze importanti in difesa, quelle di Cassani e Paletta. Ancora fuori Biabiany. In attacco il duo Cassano- Belfodil.
Anche i neroverdi di Di Francesco dovranno fare a meno di Cannavaro e Ariaudo nel reparto arretrato. Confermato il tridente d’ attacco Berardi-Zaza-Sansone.
Potenzialmente una partita interessante, che potrebbe riservare tante reti. La qualità lì davanti non manca e le difese, non sono impeccabili.

ANTICIPO DELLE 20:45

Il piatto forte di giornata di Serie A è decisamente Sampdoria– Roma, allo stadio Ferraris di Genova. Sfida molto importante, che vale il secondo posto in Serie A nonché il ruolo di principale concorrente della Juve. I sorprendenti blucerchiati di Mihajlovic proveranno ad approfittare del contraccolpo psicologico che i capitolini avranno senz’altro subito dopo la pesantissima batosta rimediata in Champions. Per i liguri out il portiere Viviano, sostituito da Romero. In difesa Romagnoli, in prestito alla Samp proprio dalla Roma. Un altro ex, Okaka, figurerà nel tridente d’attacco insieme ad Eder e Gabbiadini.
La Roma deve immediatamente reagire e ritrovare fiducia. Non semplicissimo, anche a causa delle tante assenze che continuano a tormentare mister Garcia. In difesa mancano Castan, Maicon e Manolas. A centrocampo ancora fuori Keita e Strootman. In attacco il tridente Totti- Gervinho- Destro. Iturbe torna, partendo dalla panchina.

Roberto Guardi