COMUNICATO STAMPA
Napoli, 28 Ottobre 2014′link22

Nell’estate del 2013, dopo due anni di mandato, è scaduto il mandato dei nostri Rappresentanti in Consiglio degli Studenti.
Per mesi provammo a far convocare le elezioni, ma non fummo ascoltati.
A fine mese scadranno i nostri rappresentanti negli organi di governo. Anche questa volta portammo all’attenzione (già l’Aprile scorso) di chi di dovere la questione, ma ci fu risposto che in vista delle elezioni dei Rettore, previste per metà giugno, era impossibile poter indire anche quelle studentesche.

Passata l’estate, a settembre, ritornammo a parlare con il Direttore Generale del nostro Ateneo, il Dott. Giunto, e ci fu risposto che il Dott Carpentiero, responsabile dell’Ufficio Miglioramento Servizi agli Studenti e Ordinamenti Didattici, stava già lavorando sul bando che sarebbe uscito entro la fine del mese.
Agli inizi di Ottobre, non avendo ricevuto nessuna notizia, andammo a parlare con il diretto interessato, il Dott. Carpentiero ci disse che il bando era già pronto, ma che per poter indire delle elezioni sarebbe dovuto essere prima approvato in Senato Accademico e in Consiglio d’Amministrazione, previsti rispettivamente per il 21 e 22 ottobre.
Ora per quanto nel nostro percorso di studi non abbiamo molto a che fare con la matematica, se un bando viene pubblicato a fine Ottobre e prevede un mese per la consegna delle liste e un mese per la campagna elettorale non ci vuole molto a calcolare che saremo finiti a Dicembre inoltrato con dipartimenti aperti ma corsi finiti. Le avremmo potute spostare alla primavera prossima ma cosi facendo saremo finiti per avere dei rappresentanti non più legittimati a stare in quegli organi.
Tenendo conto che il nostro è un piccolo ateneo, con soli 3 Dipartimenti e che lo stesso bando prevede un numero minimo di firme per la consegna delle liste molto basso, abbiamo ritenuto opportuno chiedere che si accorciassero i tempi previsti dal bando al fine di poter andare al voto il 27 e 28 novembre. Non era pensabile di posticipare le elezioni nei mesi del secondo semestre: senza rappresentanza nei consigli di corso di laurea e nei dipartimenti, con degli organi scaduti da tempo (il consiglio degli studenti) ed altri che scadono a fine mese, non si potevano tutelare i diritti degli studenti.

LINK ORIENTALE

Redazione