“Va in scena la Leopolda: PIF, Fabio Volo, spettacoli cabaret, la Boschi che dice ai lavoratori che manifestano che sono degli animali da zoo traghettati dal “gufo” Fassina. Chiusura finale con David Serra (totalmente legittimato a parlare e capo dei finanziatori della Leopolda) che dichiara finito il tempo degli scioperi nel pubblico. E tutti ad applaudire. Urlare di gioia contro i plebei… Schifo è dir poco, ma veramente poco.”

“Eppure Renzi un mese fa aveva detto avrebbe combattuto i poteri forti. Ora, considerando che ha fatto una manifestazione alla Leopolda contro chi è sceso in piazza a Roma (non ci prendiamo in giro, se lo fai lo stesso giorno è evidente che sia così), e sapendo che ad intervenire è stato un certo David Serra che ha anche lanciato la proposta di limitare notevolmente gli scioperi degli statali… Mi sorge un dubbio, chi sarebbero i poteri forti? I lavoratori che non sono ancora precari?”

“Nonostante tutto, quel milione di persone in piazza non ha solo mandato un messaggio al Governo, ma anche indirettamente a tutti coloro che pensano che senza violenza non si ottenga nulla. Se dovesse passare lo sciopero generale i primi che vedo far casino coi passamontagna li sbatto fuori a calci in culo personalmente.”

“La cosa che mi fa più incazzare è che mentre quelli della Leopolda hanno un mondo intero che li legittima, quel milione e 200 mila persone che è sceso in piazza a Roma non ha nessun punto di riferimento e nessuno che li tuteli realmente. Siamo soli…”

“Questo 25 Ottobre ha dato una sentenza. Da una parte i lavoratori, dall’altra quelli della Leopolda, che non solo si sono contrapposti a quella piazza, ma hanno rilanciato nuove restrizioni, limitazioni dello sciopero nel pubblico, davanti ad una platea di grandi industriali ed imprenditori. Il PD è ufficialmente, senza se e senza ma, un partito di centro-destra.”

“A loro dico: avete permesso che il mondo finanziario comandasse al posto della politica a suon di moralismi facili e colpi di giustizialismo seguendo alla lettera ciò che i mass-media vi dicevano. Sappiate però che la finanza non ha etica, non ha morale, fa ciò che ritiene funzionale al proprio sistema. Per cui se finirete senza diritti a lavorare ogni 2 mesi con contratti da 300 Euro al mese, se va bene, non gliene fregherà un cazzo a nessuno. Ora potete pure continuare ad applaudire chi invoca la fine degli scioperi. Bravi, veramente bravi: se questo vi dice che lo sciopero dev’esser limitato o se è possibile abolito, se quest’altro vi dice che il posto fisso non esisterà più (ed è un dato di fatto, ma ha ben altro sapore se ve lo dice il Presidente del Consiglio), mi dite che cazzo avete da gioire e da farvi pipponi mentali con frasi a bimbominkia sulla speranza, il cambiamento e i sogni? Ma quali sogni?”

“La scena non cambia: apro FB e leggo la solita salsa renziana, i tifosi da stadio che hanno bombardato a suon di hashtag accusando la CGIL di aver garantito autobus gratis. Questa è la dimostrazione che il PD ha ormai assunto completamente un carattere personalistico. Il leader parla e gli altri ad obbedire. Detto questo, posso testimoniare che tutte le volte che sono andato a Roma con la CGIL ho sempre pagato, l’ultima volta 20 Euro. E comunque lasciatemelo dire, parlano loro che si fanno finanziare e comandare da specialisti della finanza che rovinano famiglie intere speculando sugli immobili, parlano loro con primarie fasulle come a Napoli… Gli fanno proprio schifo questi plebei di lavoratori eh…”

“Come se non bastasse, dopo la vergognosa carica ai lavoratori AST, sulla Rai tagliano l’intervento di Landini riducendolo e nascondendo tutto quello che aveva detto di Renzi e sul Governo. Com’erano belli i tempi in cui si urlava alla dittatura quando facevano la stessa cosa con Berlusconi, eh cari piddini renziani?”

“La difesa renziana è la seguente: disonesto è chi accusa il Governo di un paio di manganellate perché non vi è connessione. Mi dispiace tanto ma: 1) fare 3 giorni di Leopolda nello stesso periodo in cui i lavoratori scendono in piazza, 2) far parlare il più importante sostenitore economico della manifestazione (uno speculatore finanziario) e fargli dire che “occorrerebbe limitare gli scioperi nel pubblico”, 3) affermare che “con i sindacati non si tratta”, 4) lanciare l’accusa che la CGIL fa tessere false, etc. etc. non fa altro che portare nella direzione di uno scontro, in termine politologico “cleavage”, ossia, frattura, divisione. Non vi siete limitati alla cesura con i sindacati (che ha chiaramente le sue colpe in questi anni), siete andati oltre, avete sposato un’altra ideologia lontana anni luce dal ceto medio-basso. Questi sono i fatti, il resto sono chiacchere o temini da medie.”

“Posso dire che questo dualismo Berlinguer-Fanfani non è altro che una riproposizione anti-storica per cui la Sinistra o era rappresentata dal PCI o dai cristiano sociali? Eh no cari miei, la Sinistra era anche Riccardo Lombardi, era Nenni, era Giacomo Brodolini (padre dello statuto dei lavoratori) e perché no, sulla gestione della politica estera era anche Craxi. Insomma, che vi piaccia o no il PSI è esistito ed è la cosa che più è mancata in questi ultimi 20 anni di nulla totale. Vi scandalizzate? è un un problema vostro.”

Ottavio Herbstritt