GRAGNANO –  Scoppia la protesta degli studenti e delle studentesse dell’Istituto Don Milani di Gragnano. Il neo Preside, infatti, dice stop alle tradizionali modalità di svolgimento delle assemblee mensili degli studenti e ne ordina nuove provocando quindi le proteste degli alunni.

”Al Don Milani, come negli altri istituti – affermano gli studenti – abbiamo sempre svolto l’assemblea insieme con tutti gli studenti, dopodichè esaurita la discussione ci recavamo a casa. Ora – proseguono  – il nuovo Dirigente ha stravolto tutto, dividendo l’assemblea a blocchi in base agli indirizzi e alla sede di appartenenza. Come se non bastasse, ha preteso anche che restassimo a scuola per l’intera durata dell’orario delle lezioni, motivando questa scelta alla sicurezza.
Abbiamo anche cercato, nei giorni scorsi, di trovare una soluzione contando anche sul sostegno di gran parte del corpo docenti, ma al momento la vicenda è lontana dalla sua risoluzione. 

Dure le dichiarazioni che arrivano dal Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Napoli, Gabriele Turco: ”La vicenda del Don Milani è la conferma di una sempre più riduzione degli spazi di democrazia all’interno delle scuole. Questa – conclude Turco – la vedo una manovra del Dirigente in perfetta linea con la ‘buona scuola’ di Renzi’.
”C’è l’assoluta necessità per gli studenti di discutere, incontrarsi e confrontarsi in unica modalità e quale momento migliore se non l’assemblea d’istituto”– dice il coordinatore regionale dell’Uds Campania, Raffaele Guarino.

don milani 2Gli studenti, intanto, questa mattina ritenendo assurde le decisioni del Preside, hanno preferito svolgere l’assemblea all’esterno della scuola, contando sulla partecipazione di 1700 alunni e di molti docenti.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteSondaggio Ixè: Salvini più avanti di Grillo
Articolo successivoGli ex grillini si spaccano al Senato
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II