NAPOLI – Tantissima gente è accorsa questo pomeriggio a piazza Plebiscito al presidio organizzato dai lavoratori e dalle lavoratrici della FIOM a sostegno dei manifestanti caricati Mercoledì scorso a Roma..

”Presidio per chiedere e stigmatizzare quello che è accaduto l’altra mattina” – afferma il segretario generale della CGIL NAPOLI, Federico Libertino. Non si può usare violenza – prosegue Libertino – nei confronti di chi sta rivendicando il proprio lavoro e la propria dignità”.
In piazza anche gli studenti:”Siamo in piazza a portare solidarietà – dice il coordinatore dell’Udu Napoli, Lorenzo Fattori. Questo – continua Fattori – rappresenta un nuovo segnale di chiusura del governo nei rapporti con i sindacati. Siamo molto preoccupati perchè andando avanti così stiamo facendo passi indietro di 80 anni”.
”In questa fase più che mai è fondamentale rilanciare la mobilitazione a partire dalla data del 21 della Fiom -dice il portavoce di LINK Napoli, Stefano Kenji.

fiom2L’On.Arturo Scotto di Sinistra Ecologia e Libertà, in merito alla sfiducia ad Alfano, ai nostri taccuini dice: ”Nei prossimi giorni verrà calendarizzata, in tempi molto rapidi, la mozione di sfiducia. Riteniamo che il Jobs Act è una rinuncia ad affrontare il vero problema della precarietà”. Fabiana Romano, della segreteria provinciale di Sel Napoli aggiunge:”E’ successo un fatto molto grave che non può essere assolutamente circoscritto, se lo stato, anche in un momento di tensione, arriva a manganellare dei lavoratori. Lo stato ha violato l’articolo 1 della Costituzione” – conclude Romano.

Soddisfatto della riuscita dell’iniziativa anche Andrea Amendola, segretario generale della FIOM-CGIL NAPOLI:‘Il presidio di oggi è stato organizzato in pochissimo tempo e rappresenta una delle iniziative che porteremo avanti in vista del 21, giornata di sciopero dei metalmeccanici. Ci auguriamo che i fatti accaduti a Roma siano episodici, ma l’atteggiamento del governo anche con i ragazzi del Cau ci fa pensare al contrario”.

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCasoria: sospetta presenza di personaggi loschi davanti a una scuola
Articolo successivoReal Madrid Castilla: Zidane torna in panchina

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II