È assodato: il fenomeno delle scommesse sul Tennis ha raggiunto un livello internazionale. Il pm Roberto Di Martino (Cremona) ha ammesso che “Così come per l’inchiesta sul calcio, anche con il tennis è la stessa storia (…) il match-fixing ha raggiunto un livello globale”.

Starace_5
Il tennista Potito Starace

Daniele Bracciali (classe ’78) e Potito Starace (classe ’81) sono accusati di corruzione in seguito a intercettazioni telefoniche tra i due nelle quali è emerso che i due tennisti hanno truccato alcuni incontri. In realtà, l’ATP aveva già squalificato per scommesse, oltre a Bracciali e a Starace, anche Alessio Di Mauro -che fu il primo a essere squalificato, il 10 novembre 2007- Giorgio Galimberti e Federico Luzzi. Il 4 Novembre, nella Procura di Cremona, è stato interrogato Bracciali che, come ha affermato Di Martino “ha ammesso alcune cose e ne ha negate altre” . Sembra che il filone delle scommesse sul Tennis sia legato al noto scandalo del calcioscommesse in quanto nei computer e negli smartphone di alcuni degli indagati per le scommesse sul calcio sarebbero stati trovati file relativi anche a quelle sul Tennis.

Il cancro delle scommesse infetta lo sport da più di un secolo: il primo incontro truccato, in ambito calcistico, di cui si ha notizia è un Manchester United-Liverpool del 1915; a quel tempo il match era determinante per la permanenza in Premier League. Successivamente, furono squalificati a vita ben sette giocatori. Le cose sono decisamente cambiate rispetto al 1915 ma si è ben lungi dal riuscire ad eliminare il mondo scommesse illegali.

È necessario fare un po’ di chiarezza: oltre alle scommesse illegali, secondo il regolamento FIGCAi soggetti dell’ordinamento federale, ai dirigenti, ai soci e ai tesserati delle società appartenenti al settore professionistico è fatto divieto di effettuare o accettare scommesse, direttamente o per interposta persona, anche presso i soggetti autorizzati a riceverle, o di agevolare scommesse di altri con atti univocamente funzionali alla effettuazione delle stesse, che abbiano ad oggetto i risultati relativi ad incontri ufficiali organizzati nell’ambito della FIFA, della UEFA e della FIGC”. Lo stesso vale per i tennisti che non possono in nessun modo scommettere su incontri ufficiali; ciò portò, nel 2007, alle squalifiche già citate.

Adesso è necessario attendere nuovi sviluppi nel caso delle scommesse sul Tennis; sicuramente la Procura di Cremona riuscirà a far luce su questa faccenda. Speriamo che questo brutto capitolo della storia del Tennis si chiuda in fretta.

Immagine in evidenza: www.gazzetta.it

Fonte immagine media: www.atpcordenons.com

Fonte citazioni: www.repubblica.it; www.figc.it

Luigi Santoro