Il procuratore generale del Messico, Jesús Murillo Karam, ha annunciato che i 43 studenti, rapiti lo scorso 26 settembre nella città di Iguala durante alcuni scontri con la polizia, potrebbero essere stati uccisi. A confessare gli omicidi sono stati tre presunti membri del cartello della droga messicano Guerreros Unidos che operano nello stato federale di Guerrero.
Oltre ad ammettere le proprie colpe, i criminali hanno aggiunto che i ragazzi sono stati consegnati al gruppo dalla polizia e che almeno 15 di questi erano già morti asfissiati. Dopo aver sparato al resto degli studenti, i corpi sono stati dati alle fiamme per 14 ore consecutive con legno, petrolio, plastica e pneumatici in una discarica sita a Cocula . “Il fuoco è durato da mazzanotte fino alle due del pomeriggio del giorno successivo, i criminali non hanno potuto toccare i corpi per tre ore a causa della loro elevata temperaturaha detto il procuratore. Agli inquirenti sono state anche mostrate sei piccole borse nere contenenti resti umani ancora non identificati, ma secondo Murillo: “Lalto livello di degradazione causato dal fuoco nei resti che abbiamo trovato rende molto difficile l’estrazione del DNA che ci permetterebbe un’identificazione” e ha poi aggiunto: “So che le informazioni che abbiamo ottenuto causano profondo dolore nelle  famiglie“.

Un portavoce delle famiglie ha detto che queste non avrebbero dato per certa la morte dei ragazzi fino a quando gli scienziati forensi argentini, che attualmente stanno lavorando al caso, non avessero dato una conferma ufficiale. “Finchè non ci saranno risultati, i nostri figli restano vivi” ha detto Felipe de la Cruz, padre di uno dei ragazzi scomparsi. Anche Murillo è della stessa opinione e ha annunciato che le autorità continueranno a considerare i ragazzi scomparsi. Ricerche precedenti avevano messo alla luce delle fosse comuni, ma alcuni esami hanno mostrato che non contenevano i resti degli studenti.

Il caso ha scosso con violenza tutto il paese. Migliaia di persone sono scese in strada per protestare contro l’inefficienza del governo federale e soprattutto contro il coinvolgimento dei suoi funzionari e pubblici officiali in numerosi delitti perpetrati sul territorio messicano. L’attuale caso è solo uno di questi. Molti sono i cittadini che hanno aiutato nelle ricerche.

I ragazzi scomparsi più di un mese fa erano studenti di una scuola di formazione per insegnanti, diretti ad Iguala per raccogliere fondi e per protestare contro pratiche di assunzione ritenute da loro discriminatorie. Durante gli scontri con la polizia, sei manifestanti sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco e alcuni testimoni hanno assistito al rapimento dei 43 ragazzi. Fino ad ora sono state arrestate più di settanta persone per l’accaduto, compreso il sindaco di Iguala Jose Luis Abarca e sua moglie Maria de los Angeles Pineda.
Il sindaco è stato accusato dagli ufficiali di aver ordinato di caricare gli studenti per impedire loro di disturbare un discorso pubblico tenuto dalla moglie.

Bruno Formicola