NAPOLI –  ”Faccia nomi e cognomi se pensa di far assumere responsabilità a qualcuno che non ne ha. Se poi  si riferisce al Comune, sbaglia perchè dialoghiamo con tutti, abbiamo le mani pulite e non ci facciamo coinvolgere in questa polemica”. Così risponde il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris alle critiche del Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il quale aveva duramente criticato la scelta della Giunta comunale di partecipare alla manifestazione di Bagnoli contro Il Governo Renzi e lo Sblocca Italia.

”Caldoro – prosegue l’ex pm – manifesta per Berlusconi quando viene condannato, noi siamo in piazza contro lo Sblocca-Italia”.
Replica secca di Caldoro:”Chi si oppone al decreto, nega il futuro a Bagnoli”.
”Non faremo passi indietro – ribatte De Magistris – nel criticare una legge costituzionalmente illeittima e antidemocratica, che espropria Napoli e i suoi poteri”

Critiche a De Magistris arrivano anche dal Pd:”Non è in una piazza , meno che mai in quella piazza, che si possono tentare mediazioni, che viceversa vanno costruite nei luoghi a ciò deputati. ”L’amministrazione comunale continua ad assumere posizione che aggravano la condizione di isolamento della città nel panorama politico nazionale”.

Intanto il Laboratorio politico Iskra, tra i soggetti promotori della mobilitazione tramite un comunicato stampa congiunto con i Coc Napoli, chiarisce le finalità della mobilitazione, sottolineando la necessità di riappropriazione del territorio di Bagnoli, espropriato per vent’anni e rivendicando il diritto dei manifestanti a chiudere la manifestazione con un’ assemblea nei locali di Città della Scienza.
Per Iskra e Coc tale scelta era legata non solo all’aspetto simbolico della mancata venuta di Renzi proprio in quel luogo, ma anche al fatto che Città della Scienza è sempre stata vista non certo come una risorsa per il quartiere, bensì come la storica roccaforte delle clientele e delle pratiche di voto di scambio attraverso cui il PdS, poi DS ora PD con annessi alleati (in primo luogo l’attuale SEL) si sono assicurati per decenni lo strapotere nell’area flegrea.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl cielo unito sopra Berlino
Articolo successivoNapolitano lascia il Colle?

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II