NAPOLI – Luigi De Magistris dopo 46 giorni di assenza è ritornato ufficialmente questa mattina a sedere nel suo seggio del consiglio comunale di Napoli, convocato per approvare una modifica al regolamento che non avveniva da 41 anni. Tantissimi applausi per l’ex sindaco ‘sospeso’, il quale ha prima ringraziato, poi è subito passato all’attacco del governo:”Nei mesi scorsi come sindaco di Napoli ho avuto tantissimi incontri con il governo, con l’Anci e con l’Ubi. Era stato garantito un impegno preciso da Roma nello stanziamento di fondi per la riforma della Città Metropolitana, ma al momento di questi fondi non vi è alcuna traccia”.

De Magistris poi sul Patto di Stabilità lancia la sfida a Renzi e dice: ”Renzi è abile a ribaltare le situazioni. In questi giorni dice giustamente alla commissione europea di allentare il Patto di Stabilità, ma inizi a fare lui qualcosa di concreto. Se guardiamo il bilancio che recentemente la Provincia ha approvato facendo tralaltro sforzi enormi, alla voce scuole sono previsti 0 investimenti.
Poi la consapevolezza: ”Sono convinto che il governo non metterà un euro per la riforma della Città metropolitana. Dobbiamo costruire un patto con la città tramite un spirito costruttivo”.

Il Sindaco poi ringrazia la maggioranza che l’ha sostenuto anche nell’ultimo periodo difficile: ”Ringrazio questa maggioranza che mi ha sostenuto e mi auguro che in futuro ci possa essere un allargamento della stessa. Nei prossimi mesi abbiamo diverse sfide da raccogliere dal dissesto idreoligico, al problema dei trasporti. Su Bagnoli ribadisce: ”I due atti più importanti che abbiamo cercato di fare sono la bonifica e il risarcimento. Oggi lo stato che con il Presidente del Consiglio Renzi espropria il comune e fa entrare dalla finestra chi ha inquinato attraverso fintecna. Renzi ha tradito il patto firmato a Città della Scienza alla presenza del Sindaco e del Presidente della Regione. De Magistris conclude:”L’esperienza di sindaco di strada mi ha insegnato che questa città ha enormi risorse nel popolo. Questa è una città molto matura”.

Pasquale De Laurentis
Luca Mullanu

CONDIVIDI
Articolo precedentePatti Smith in concerto in una Basilica: scandalo per l’Arcidiocesi
Articolo successivoLa nuova Juve di Allegri
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II