NAPOLI – Il Liceo GB.Vico di via Salvator Rosa di Napoli da ieri è ufficialmente in occupazione.
Alla base della protesta, gli studenti denunciano le politiche del governo Renzi e il piano scuola.

”Siamo in mobilitazione verso la giornata di sciopero sociale del 14 Novembre” – dichiara Ciro Amitrano, uno dei rappresentanti degli studenti.
”Ci opponiamo radicalmente all’attacco frontale del governo con il piano scuola, il Jobs Act e lo Sblocca Italia.
Rivendichiamo un diritto allo studio diverso da quello che ci viene imposto. Per questo mettiamo in discussione questo governo nell’ambito sociale” – conclude Ciro.

”L’occupazione – spiegano gli studenti – sarà articolata con un’assemblea di gestione, dopodichè ci si dividerà nei corsi o laboratori scelti”
vico 2Tra le attività programmate spiccano un seminario sulla storia della musica. Intanto per domattina alle 11 è previsto un flash mob organizzato dagli studenti per sensibilizzare il quartiere di Salvator Rosa sulla manifestazione del 14 Novembre, mentre nel pomeriggio presso l’aula magna della scuola avrà luogo un’assemblea aperta a tutte le realtà per costruire al meglio il 14 Novembre.

Riportiamo di seguito il comunicato stampa diffuso dagli studenti e dalle studentesse del Liceo GB.Vico:

“L’assemblea di gestione del Liceo G.B. Vico occupato denuncia la vergognosa campagna di delegittimazione che stiamo subendo in queste ore. Un’occupazione voluta e rivendicata da una grandissima maggioranza del corpo studentesco. Un corpo studentesco che ha scelto di praticare forme di autogestione radicale e dal basso, bloccando il regolare andamento della didattica, riprendendosi i propri spazi. Le accuse che ci vengono rivolte, nel tentativo di non parlare dei temi e delle motivazioni politiche del nostro atto, sono inconsistenti e false. La nostra occupazione si inserisce naturalmente nella mobilitazione europea verso il 14 Novembre che culminerà con le 24 ore di blocco dei flussi produttivi.

Una mobilitazione che vede nelle scuole un moltiplicatore di energie ed un presidio di produzione e circolazione dei saperi dal basso. Siamo disgustati dalla mole di bufale che i media mainstream napoletani stanno diffondendo riguardo la nostra occupazione. Quegli stessi media mainstream che hanno gettato fango sulle rivendicazioni legittime dei cittadini che il 7 Novembre manifestavano a Bagnoli, che in generale sono sempre stati dalla parte di chi questo territorio lo ha sfruttato prima e inquinato poi, tacendo riguardo la connivenza tra apparati politico-gestionali e camorra.

Siamo delusi dell’atteggiamento di una dirigenza che si opposta ottusamente al proprio corpo studentesco, lasciando che due minorenni fossero identificati senza alcuna ragione vera. Abbiamo scelto di chiudere i cancelli della nostra scuola perchè questo modello di gestione dell’istruzione dell’istruzione pubblica, portato avanti dalla “Buona Scuola” di Renzi e Giannini, ci disgusta. Abbiamo chiuso i cancelli della nostra scuola perchè ci fa schifo il Jobs Act. Ci siamo ripresi i nostri spazi perchè ci opponiamo fermamente al decreto Sblocca Italia. Il 13 Novembre si terrà un’assemblea pubblica nella nostra scuola, alle 16 e 30, per discutere insieme verso il corteo dello Sciopero Sociale che ha concentramento alle 9 e 30 a piazza Garibaldi, per continuare a produrre e far circolate saperi verso il 14. Noi resistiamo.”

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn viaggio nello spazio per salvare la Terra in “Interstellar” di Christopher Nolan
Articolo successivoLuciano Sozio a Napoli con Getting There

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II