NAPOLI – Zona collinare in rivolta. Dopo il liceo GB.Vico e la breve occupazione del liceo Pansini, anche l’Isis Enrico De Nicola del quartiere di Montedonzelli da ieri mattina è in stato di occupazione.

Secondo quanto dichiarato dagli studenti il De Nicola risulterebbe tra le scuole più abbandonate di Napoli e provincia.
”La nostra scuola esiste dal 1954 ed è incomprensibile che in tutti questi anni non sono mai stati eseguiti lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza della scuola” – dichiarano gli studenti.

Nel mirino degli alunni c’è anche il cortile della scuola che da anni funge da palestra, ma oramai non è più agibile.
”Recentemente è caduto un albero nel cortile costringendo così il nostro Preside per motivi di sicurezza a transennare l’intera area.
La Provincia ci ha detto che a ”causa” del Patto di Stabilità non è più in grado di stanziare risorse per le scuole.
Per il liceo Umberto sono stati stanziati 800.000 mila euro dopo il crollo del soffitto. A questo punto ci chiediamo se bisogna sfiorare le tragedie per spingere le istituzioni ad intervenire con nuove risorse”.

Gli studenti lamentano anche il poco utilizzo di spazi fisici di democrazia all’interno della scuola, riferendosi chiaramente allo scarso impiego dell’Aula Magna, se non per le conferenze o eventi particolari.
”Per il I anno abbiamo ottenuto il cineforum con il cinema Plaza, tuttavia riteniamo inaccettabile un cineforum esterno alla scuola con costi che vanno a gravare le famiglie, quando lo stesso cineforum si potrebbe svolgere all’interno della scuola”.

Con quest’occupazione – concludono gli studenti – vogliamo bloccare la tradizionale didattica e riflettere sui temi scottanti del nostro paesi, tra i quali il Jobs Act e ‘la buona scuola’ di Renzi. Nei prossimi giorni, infatti partirà un programma con corsi anche sull’antifascismo, antirazzismo ed antiproibizionismo”. 

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaso Macry: come uccidere il giornalismo due volte
Articolo successivoCISL: Bonus Irpef annullato da tasse locali

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II