QUARTO –  Invece di migliorare, la situazione d’emergenza nella galleria del Campiglione, una delle principali vie di comunicazioni tra Quarto e Pozzuoli, peggiora a vista d’occhio. Avevamo già parlato delle condizioni pessime in cui versava il tunnel, inondato dai rifiuti (anche fusti di cantiere), ventilato in maniera pessima e perennemente permeato da una perenne nube di smog e sporcizia. L’assessore all’Ambiente del Comune di Pozzuoli Franco Cammino aveva più volte tentato di ovviare al problema bloccando la galleria per operazioni di pulizia straordinaria, ma a nulla è servito l’operato del Comune e dei fondi stanziati. La galleria ha risentito in maniera spaventosa della pioggia che ha colpito Napoli neghli ultimi giorni, trasformandosi in un fiume lungo due chilometri, bloccando la circolazione e lasciando in panne parecchie automobili. Particolarmente colpita dal problema, la galleria che collega Quarto a Bacoli, attraverso cui i rifiuti percorrono la galleria a passo d’uomo generando uno spettacolo orrendo alla vista ed all’olfatto. L’acqua ha raggiunto e superato l’altezza di 50 centimetri creando moltissimi problemi alla circolazione. Ancora ben visibili i pittoreschi wc ed arredi da bagno, forse nuovi, forse sempre gli stessi, a ricordare le condizioni pessime in cui versa il Comune di Quarto. Tutto ciò senza contare il fatto che il tunnel era già in pessimo stato prima dell’enorme quantità di acqua accolta, che ora rischia anche di danneggiarne ulteriormente la struttura. I 150.000 mila euro stanziati per la ristrutturazione, per il cambio dell’impianto di ventilazione e per la facitilitazione della viabilità (già giudicati allora insufficienti per la messa a nuovo del tunnel) saranno i fondi da cui attingere per un’eventuale riparazione. Il come ed il quando rimangono ancora un’incognita.

Gianmarco Maiolini