La Svizzera del Tennis trattiene il fiato: Roger Federer non garantisce la propria partecipazione alla finale di Coppa Davis – che si giocherà Venerdì 21 Novembre allo Stade Pierre Mauroy di Lille – contro il team francese a causa del persistente mal di schiena.

MAL DI SCHIENA – A causa delle precarie condizioni di salute, il campione svizzero non ha potuto giocare la finale di Londra, lasciando così il titolo a Đoković; e Martedì 18 , a distanza di pochi giorni, il problema alla schiena ha portato Federer a dichiarare: “Dobbiamo aspettare e sperare. Ho ancora due giorni interi per recuperare e per un atleta potrebbero anche bastare. Sono sempre ottimista ma non so dirvi quante possibilità ho di giocare venerdì”. Fortunatamente, ieri, alle 18:30, Roger ha cominciato ad allenarsi insieme al team svizzero, come confermato da un tweet del giornalista Vincenzo Martucci:

Screenshot_2
Il tweet di Vincenzo Martucci

Le preoccupazioni della Svizzera sono più che giustificate in quanto gli elvetici non hanno mai vinto la Coppa Davis; quest’anno, con Federer e Wawrinka, che occupano rispettivamente la seconda e la terza posizione nella classifica ATP, la vittoria è molto più che una chimera per la nazione elvetica ma se Roger non giocasse la situazione si complicherebbe non poco. Oltre al capitano Severin Lüthi, a Stanislas Wawrinka e allo stesso Federer, della squadra svizzera fanno parte Michael Lammer (classe ’82) e Marco Chiudinelli (classe ’81); la Francia di Arnaud Clement oppone Jo-Wilfried Tsonga (classe ’85), Gael Monfils (classe ’86), Richard Gasquet (classe ’86) e Julien Benneteau (classe ’81).

05wawrinka-superJumbo
Stanislas Wawrinka (classe ’85)

NOVE A ZERO NEGLI SCONTRI DIRETTI – Se la Svizzera non ha mai vinto la Coppa Davis, la Francia insegue il decimo trionfo in questa competizione; l’ultimo risale al 2001 quando uno straordinario Nicolas Escude riuscì a battere l’Australia – di fatto da solo – a Melbourne. A peggiorare le cose per la formazione svizzera, escluso l’infortunio di Federer, c’è l’eco del litigio tra quest’ultimo e Wawrinka avvenuto alle semifinali di Londra lo scorso 15 Novembre; il tutto è nato dal tifo, forse un po’ eccessivo, della moglie di Federer.

Sia Roger sia Stanislas non hanno nascosto nulla, ammettendo di aver avuto una discussione durata circa cinque minuti a fine match: ma lo stesso Federer ha dichiarato: “è vero, abbiamo discusso per cinque minuti dopo la partita ma adesso è tutto risolto. Siamo abbastanza grandi per affrontare certi argomenti” cui hanno immediatamente fatto eco le parole di Wawrinka: “Ciò che è successo rimane tra noi. Siamo ottimi amici e la scorsa settimana è stata carica di tensioni”.

Si prospettano momenti di grande tensione per la Svizzera che aspetta di sapere se potrà schierare la sua punta di diamante per strappare una vittoria storica contro i nove volte campioni della squadra francese; le prossime ore saranno decisive per gli elvetici che, nel frattempo, non smettono di sperare.

Fonte immagine in evidenza: www.milanday.altervista.org

Fonte immagine media: www.twitter.com; www.sportbloggers.it

Fonte citazioni: www.outdoorblog.it

Luigi Santoro