NAPOLI – Ad oltre due mesi dall’inizio dell’anno scolastico il plesso di via Caravaggio che ospita l‘istituto Porzio-Dlla Porta, nonostante le rassicurazioni della Provincia, ad oggi è ancora senza laboratori.
Questa mattina più di 700 studenti dell’istituto, accompagnati dalla Dirigente Scolastica, da una delegazione di docenti e genitori hanno presidiato e protestato all’esterno degli uffici dalla Provincia di Napoli di piazza Matteotti.
”Viene leso il diritto allo studio degli alunni a causa della mancata agibilità dei laboratori che non consente l’adozione dell’orario definitivo – ribatte la Prof.ssa Francesca Riccardo, Dirigente Scolastica dell’istituto.
Il liceo Galilei – prosegue la Dirigenteha ottenuto le aule a metà Ottobre. Nel frattempo il cantiere dei lavori è stato chiuso a causa del mancato pagamento della Provincia alla ditta”.

”Il Galilei – aggiunge Antonio, rappresentante d’istituto – sostiene la nostra mobilitazione. In sostanza ad inizio dell’anno anno la Provincia ci aveva giurato che in tempi brevi avrebbe consegnato una nuova sede con nuovi laboratori. Tutto questo non si è verificato. I genitori sono arrabbiati, abbiamo infatti studenti di V prossimi all’esame che non utilizzeranno i laboratori”.

Una delegazione composta dalla Dirigente, docenti e studenti incontra poi l’Assessore all’Edilizia Scolastica, Maurizio Moschetti che rassicura i manifestanti: ”La ditta ha paura di riprendere i lavori finquando non vede arrivare i soldi sul conto. La tempiistica dovrebbe essere di 10 giorni. Posso però dare fin da subito certezza assoluta che prima di Dicembre pagheremo alla ditta la prima rata di 250 mila euro.
Moschetti è poi vago sulla restante parte dei pagamenti: ”Sulla II rata non posso prendermi un impegno perchè dal 1 gennaio non so ci verrà. Posso dire che sarà il sindaco De Magistris che reggerà la struttura della Città metropolitana senza assessori.
Le aule – conclude Moschetti – le avrete prima che cambi la gestione amministrativa”

Alla manifestazione hanno preso parte anche alcuni rappresentati degli studenti dell’istituto Giordani e Fortunato.
”Al Giordani continuano a cadere calcinacci all’esterno dell’ingresso del portone della scuola e persiste un gusto al quadro elettrico” – dichiara uno studente del Giordani.

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteStreet Art a Napoli: Obey al PAN
Articolo successivoComunicato Stampa Comune di Casalnuovo
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II