“Il modo per creare posti di lavoro non sono le proteste e i fumogeni! Il lavoro non si crea a parole! Le fabbriche non vanno occupate ma riaperte!”. Matteo Renzi, impegnato a Cosenza per il comizio di campagna elettorale con il candidato governatore calabrese Oliverio, non si lascia sfuggire l’occasione per replicare alle parole pronunciate da Landini a Napoli, durante il corteo che ha invaso il centro della città: “Renzi non ha il consenso degli onesti”. Il segretario della FIOM si è poi scusato, chiedendo, però, di evitare strumentalizzazioni.

Intanto, con un Paese in tumulto con le manifestazioni di operai, precari e centri sociali la dichiarazione di Landini non poteva passare inosservata per il premier, che anche a Cosenza è stato accolto, come a Bologna, con contestazioni, le quali hanno costretto il comitato a spostare il comizio di campagna elettorale in un auditorium al chiuso, presidiato da blindati e agenti in assetto antisommossa. “Noi scegliamo i nostri candidati con le primarie, non abbiamo paura della democrazia”, afferma Renzi sul palco. E sulla Calabria, dopo essersi definito “marziano” in quelle terre, dichiara: “Tutti sappiamo che il sud ha subito le conseguenze di un processo di unificazione che ha mortificato terre e popolazioni” – e ancora – “Siete la terra della Magna Grecia, un po’ troppo avvinta del magna magna di chi vi ha preceduto”.

Infine, proprio stamattina il Presidente del Consiglio ha inviato una lettera a Repubblica chiarendo la propria idea di sinistra riguardo alla riforma del lavoro. E non manca l’accusa ai sindacati, sull’onda di quanto accaduto nella giornata di ieri, scrivendo: “So che Repubblica non vuole farci un esame del sangue, come invece pretenderebbe qualcuno anche dalle parti del sindacato”– e continua- “Sono pronto sempre al confronto, da mesi giro l’Italia in lungo e largo, visitando aziende, stringendo le mani di chi lavora, parlando del futuro del paese in una competizione sempre più dura nel mondo. Non siamo noi, non è il governo, non è il Partito democratico a cercare lo scontro. Siamo noi, però, a porre il tema di un mondo che cambia”.  In conclusione afferma: “Per noi la sinistra è storia e valori, certo, è Berlinguer e Mandela, Dossetti e Langer, La Pira e Kennedy, Calamandrei e Gandhi. Ma è soprattutto un futuro su cui lavorare insieme per risolvere i problemi delle persone, per dare orizzonte e dignità, per sentirsi parte e avere orgoglio di essere non solo di sinistra, ma italiani”.

Andrea Palumbo

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMaria Baratto, simbolo di vite senza più valore
Articolo successivoUn nuovo trattato per difendere l’euro, la proposta di Schaeuble

Andrea Palumbo nasce in un piccolo paese dell’Alto Casertano. Laurea triennale in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II di Napoli. Attualmente studia Comunicazione Pubblica e Politica presso l’Università di Torino. A parte lo scrivere, ama la fotografia e il cibo in compagnia.